Dieta: mangiare male è più nocivo del fumo: ecco cosa si rischia

dieta panino

Mangiare male è assolutamente deleterio per la salute. Una dieta sana e corretta fa sì che il nostro organismo possa beneficiare di tutti i nutrienti di cui ha bisogno per il compimento di tutte le sue funzioni. Un regime dietetico non completo infatti può essere causa anche di malattie mortali. E’ quanto emerge da uno studio che ha preso in esame 15 fattori dietetici in 195 paesi a partire dal 1990 per arrivare fino al 2017. Ma andiamo a considerare cosa è emerso nel dettaglio.

Abitudini alimentari scorrette: i rischi per la salute

Una morte su cinque nel mondo pari a 11 milioni di persone ogni anno, muore a causa di una dieta carente. In particolare non si tratta di mancanza di accesso alle risorse alimentari, ma soprattutto di una scelta sbagliata degli alimenti che vanno a comporre la nostra dieta quotidiana.

I ricercatori hanno individuato 15 alimenti fondamentali che influenzano il nostro stato di salute. Purtroppo sempre più spesso non soltanto in Occidente, ma anche nei paesi in via di industrializzazione che ne mutuano le abitudini alimentari, si privilegiano regimi dietetici a basso contenuto di frutta e verdura, cereali integrali, latte, calcio e fibre.

Si seguono invece diete a base di carne rossa, o processata industrialmente, insaccati, bevande zuccherate e si eccede nei condimenti col sale. Per i ricercatori il regime alimentare che mette maggiormente a rischio la nostra salute prevede troppo sodio e poco grano e frutta.

Dal cibo, che è nutrimento, paradossalmente possono derivare anche malattie. Una dieta costituita sopratutto da carni rosse e lavorate e sodio, in cui la fruta e la verdura scarseggiano, ci espone a una serie di conseguenze negative per la salute. In particolare si corre il rischio di patologie tumorali e del diabete di tipo 2. L’inchiesta in particolare pone in evidenza l’escalation di vittime che risulta in continuo aumento. Si è passati infatti dagli 8 milioni di decessi nel 1990 agli 11 milioni del 2017. L’alimentazione scorretta è responsabile di una morte su cinque nel mondo, più ancora di fumo e inquinamento, che invece sono causa rispettivamente di 7,2 e 8,8 milioni vittime ogni anno.

Pertanto dovremmo seguire una dieta bilanciata non tanto a scopo estetico, ma soprattutto per preservare la salute e quindi evitare di esporci al rischio di sviluppare malattie che possono ucciderci.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!