Dieta dimagrante di qualità per perdere 5 kg: ecco come fare

Dieta dimagrire pancia in 5 mosse

Chi intende dimagrire non deve commettere l’errore di demoralizzarsi se non riesce a raggiungere subito questo obiettivo. Perdere qualche chilo di troppo in maniera seria richiede infatti tempo, perché solo la perdita graduale dei chili può assicurare risultati a lungo termine. In questo senso non bisogna eccedere con le rinunce, ed anzi esagerare con la restrizione calorica può rivelarsi controproducente. Con questa dieta equilibrata sarà possibile perdere peso (5 kg) in 8 oppure 12 settimane a seconda della risposta soggettiva del nostro organismo.

In particolare le prime due settimane, col riattivarsi del metabolismo, danno i primi risultati. Le ultime settimane sono le più difficili perché il corpo si abitua e quindi perde peso più lentamente. La dieta prevede 6 gorni, il settimo è libero ma ovviamente non bisogna eccedere con i carboidrati o atri alimenti, in ogni caso una pizza margherita potremo concedercela senza problemi. Andiamo a considerare come si struttura questa dieta dimagrante nei pasti fondamentali della colazione, pranzo e cena.

Colazione

La colazione sarà soprattutto a base proteica, mentre sarà ridotta al minimo la quota di carboidrati e di zuccheri. E’ un pasto molto importante in quanto ci deve dare l’energia per il resto della giornata. Ecco uno schema possobile: 200 grammi di latte scremato con 30 grammi di fette biscottate accompagnate da 30 grammi di marmellate. Infine caffè con un cucchiaino di zucchero.

Spuntini

Gli spuntini si prevedono sia a metà mattinata che nel pomeriggio. Si consigliano 150 grammi di frutta oppure uno yogurt magro.

Pranzo

Il menù settimanale di questa dieta prevede la suddivisione dei pranzi in due pasti a base di carboidrati e quattro invece a base di proteine. Pertanto bisognerà seguire questa alternanza. Riguardo agli alimenti contenenti carboidrati si consigliamo di prediligere riso, pasta, farro (60 grammi). Tra i cibi contenenti proteine vi consigliamo invece la bresaola, crescenza o mozzarella 100 grammi e 120 grammi di uova.

Cena

La cena sarà invece a base di proteine. Tra gli alimenti indicati abbiamo fesa di tacchino o petto di pollo oppure cibi a base di pesce ricchi di Omega-3 quali salmone, pesce spada, spigola, sogliola (200 grammi). I carboidrati concessi non devono superare i 15 grammi, in questo senso vanno bene cracker o gallette. Il venerdì si può optare per il minestrone di legumi.

Per le verdure, sia a pranzo e che cena, non è prevista alcuna restrizione. Possono quindi consumarsi in abbondanza, ad eccezione di patate, olive, mais e barbabietole. Non dimenticate di consultare il vostro medico prima di intraprendere qualsiasi percorso dietetico.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!