Mila Suarez e il duro attacco ad Alex Belli al Grande Fratello

mila-suarez

L’inizio del Grande Fratello è avvenuto con il botto, già i primi ingressi nella casa hanno dato parecchio di cui parlare a partire da Mila Suarez che ha rilasciato importanti dichiarazioni ed attaccato l’ex compagno.

Tutto ha avuto inizio mercoledì quando Alex Belli, ex compagno di Mila e la nuova fidanzata hanno parlato di Mila proprio da Barbara ed hanno affermato che la donna soffre di disturbi comportamentali e dell’umore, l’hanno definita bipolare.

Lei donna senza dignità, lui un piccolo uomo

Mila non ci sta e replica scagliandosi contro la nuova coppia, afferma che due persone del genere non dovrebbero nemmeno permettersi di aggiungere altro oltre ciò che le hanno fatto. Le hanno recato tanto male in passato, lui la tradiva mentre era stata da poco operata, lei rimaneva in albergo da sola e lui portava in casa l’attuale fidanzata.

E’ disgustata Mila Suarez durante lo sfogo che nonostante tutto dice che avrebbe voluto evitare perchè vuole godersi la casa sin dal primo momento senza dedicare un attimo della sua vita ai due che secondo lei non meritano nulla essendo lei una donna senza dignità e lui un uomo piccolo.

La versione di Alex Belli, verità in contrasto

Dall’altra parte Alex Belli ha sempre raccontato una storia diversa, secondo la sua versione quando lui ha iniziato la relazione con l’attuale compagna, con Mila era già tutto arrivato al punto di rottura, si erano lasciati. Secondo lei invece le cose stanno diversamente, stavano ancora insieme, lei entrava in casa in sua assenza per poi trasferirsi una volta scoperta la relazione extraconiugale ed essersi lasciati.

Addirittura Mila aggiunge che l’attore non le ha più permesso di entrare in casa sua perdendo tutto ciò che le appartiene. Ma da che parte sarà la ragione? Proprio ieri ha dichiarato che dentro casa loro ci sono delle telecamere, ha chiesto più volte di poter visionare i filmati per avere delle prove a cui affidarsi, ma l’attore non glielo ha mai permesso.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!