I cani sarebbero in grado di fiutare i tumori: uno studio lo dimostrerebbe

Odorato cani fiuta tumori

I cani col loro formidabile fiuto sarebbero in grado di riconoscere importanti malattie. In particolare sarebbero capaci di captare l’odore di certe sostanze nel sangue che indicherebbero la presenza di una patologia tumorale. Il fiuto canino avrebbe una accuratezza pari al 97%. Tutto merito del loro super naso che li rende sensibili ad odori che noi non siamo in grado di percepire. Basti tener conto che i recettori olfattivi dei nostri amici a quattro zampe sono diecimila volte più sensibili rispetto a quelli umani.

Si tratta di risultati molto interessanti tenendo conto che la diagnosi precoce, soprattutto per quanto riguarda i tumori, consentirebbe di salvare la vita a molte persone.

Cani, fiuto formidabile anche per scovare malattie nell’uomo

Heather Junqueira, assieme alla sua squadra di ricercatori di BioScentDx, presenterà i risultati dei suoi test, alla riunione annuale dell’American Society for Biochemistry and Molecular Biology a Orlando, in Florida, negli Stati Uniti. Ma andiamo a considerare nel dettaglio quanto emerso da questo studio. I ricercatori hanno addestrato mediante un sistema di condizionamento positivo noto come clicker, quattro cani di razza Beagles a distinguere tra sangue normale e sangue invece di pazienti affetti da tumore maligno al polmone.

Riguardo ai risultati, tre dei quattro cani sono riusciti a individuare i campioni di sangue dei pazienti malati con una precisione stimata attorno al 96,7% dei casi e di quello sano nel 97,5% dei casi. Pertanto l’obiettivo dei ricercatori è di affinare sempre di più questo sistema di rilevamento di tumori tramite il fiuto dei cani. In tal modo i medici avrebbero a disposizione un sistema di screening non invasivo per i tumori e altre gravi patologie.

In questo senso a novembre si prevede una nuova ricerca relativo allo screening del tumore al seno. Queta volta l’olfatto dei cani verrà addestrato a riconoscere il tumore al seno dal respiro delle pazienti. Anche in questo caso gli esperti confidano di avere buoni risultati, ma bisognerà aspettare un po’ prima di conoscerne l’esito.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!