Amici 18, Vittorio Grigolo lo confessa: ‘Ho baciato un uomo in bocca ma non sono gay…’

Vittorio Grigolo intervistata dal magazine Gente

Prima del suo ingresso al serale di Amici 18, in Italia in pochi conoscevano Vittorio Grigolo. Quest’ultimo in attesa della terza puntata del talent show di Maria De Filippi ha rilasciato una lunga intervista al magazine Gente. L’uomo ha parlato del suo passato e di come è diventato un grande tenore conosciuto in tutto il mondo.

In queste tre settimane Grigolo ha dato degli ottimi consigli agli allievi della squadra Blu, in particolare ad Alberto Urso. I due non hanno legato perché sono entrambi appassionati di lirica ma perché il tenore crede nel giovane siciliano.

Vittorio Grigolo praticava le arti marziali

Intervistato da Gente, Vittorio Grigolo ha rivelato che in passato ha fatto delle arti marziali e alcune religioni che lo hanno fatto maturare.

“Muoversi sul palco significa muovere energia e io ho praticato arti marziali. Aikido, in particolare: ti aiuta a utilizzare la forza altrui. Più il nemico è forte, più sei forte tu. Nel canto lirico occorrono disciplina, saldezza e spiritualità. Buddismo, taoismo e scintoismo. Mi interessano tutte le dottrine, fino allo zoroastrismo, che professa buone azioni, buoni pensieri, buone parole”,

ha detto il direttore artistico del serale di Amici 18.

Il direttore artistico di Amici 18 gay? Parla il diretto interessato

In molti sono convinti che Vittorio Grigolo sia gay. Al settimanale Gente ha confessato questo:

“Molti nel mio ambiente sono convinti che sia gay. E persino mia moglie ha pensato che lo fossi quando mi ha conosciuto. Poi se un regista mi dà un bacio sulla bocca, non mi spavento. Per me non è un problema. Ma non vado altro”.

A dire la verità non è sposato, ma fidanzato con una modella. A questo punto non vediamo l’ora di vederlo all’opera della terza puntata del serale di Amici 18 in onda stasera alle 21:30 su Canale 5.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Calogero Latino: Non c’è niente di speciale nella scrittura. Devi solo sederti davanti alla macchina da scrivere e metterti a sanguinare. (Ernest Hemingway)