Pamela Prati smascherata: la Polizia postale rivela tutta la verità a poche ore dal Live Non è la D’Urso

Pamela Prati - Mark Caltagirone
Pamela Prati

Pamela Prati avrebbe mentito sulla questione del matrimonio e dell’adozione dei figli. Arriva la clamorosa svolta sul caso.

Ormai da settimane non si parla d’altro ovvero di Pamela Prati e del suo presunto matrimonio con il misterioso imprenditore. La show girl, all’età di sessantanni avrebbe deciso di sposarsi ma a quanto pare almeno fino ad oggi non esistono foto e tanto meno immagini del fortunato.

Il caso che va avanti da tempo è stato affrontato anche da Barbara D’Urso sia a Pomeriggio 5 che a Non è la D’Urso. La scorsa settimana , infatti, la presentatrice di Canale 5 ha invitato nel proprio studio le due collaboratrici della Prati che hanno raccontato alcuni dettagli in più sulla vicenda. Ma vediamo insieme cosa è accaduto nelle ultime ore.

Mistero sull’identità dello sposo di Pamela Prati

Purtroppo sulla questione del matrimonio relativo a Pamela Prati se ne sono dette tante e molti hanno ancora tanti dubbi. La Polizia postate che ha indagato sull’identità dei soggetti tirati in ballo in questa storia pare proprio che non abbia trovato certezze.

In particolar modo sembra quasi fantasma l’identità di Mark, ovvero il futuro sposo. Inoltre, ci sarebbero anche molti punti da chiarire sull’identità del figlio che improvvisamente è spuntato nella di Pamela. Chi è realmente quest’ultimo?

Pamela e il post su Twitter

Alessia Bausone una delle giornaliste che si sta occupando principalmente del caso Pamela Prati, ha rivelato che quel bambino molto probabilmente è il nipote di una delle due manager della showgirl.

Il mistero si avvolge anche per la sorella di Sebastian, Rebecca. secondo la Polizia postale, le foto usate per dimostrare la loro identità sarebbero state rubate da un profilo Facebook di un noto avvocato di Cagliari, che ha denunciato il fatto. Ecco la nota che rivela l’accaduto:

“NEL CORSO DELLE RICERCHE EFFETTUATE DALLA POLIZIA POSTALE DOPO UNA SERIE DI DENUNCE, SIA EMERSO CHE LE IMMAGINI PRESENTI, E POI RIMOSSE, SUL PROFILO FACEBOOK DI REBECCA CALTAGIRONE APPARTENGANO IN REALTÀ A UNA BAMBINA DI 6 ANNI, FIGLIA DI UN AVVOCATO DI CAGLIARI.”