Luccio alla brace

Luccio alla brace
Il piatto del giorno: luccio alla brace

La ricetta di quest’oggi è quella del luccio alla brace, secondo piatto di pesce leggero, mediamente elaborato e non eccessivamente costoso. In realtà, con questo metodo, potete cucinare anche altri pesci d’acqua dolce e vedrete che il risultato sarà ottimale. Vediamo, quindi, come si realizza questa pietanza.

 

Ingredienti per 4 persone:

1 luccio

2 cipolle grandi

6 pomodori tondi maturi

2 cucchiai di salsa di pomodori setacciati

olio di oliva

2 cucchiai di paprica in polvere

sale e pepe quanto basta

 

Preparazione:

Lavare e asciugare il pesce, sventrarlo e allargare la cavità addominale al punto da poter eliminare l’intera lisca. Poggiarlo aperto sul piano di lavoro e strofinarlo da una parte e dall’altra con sale e pepe. Così prepararlo, cuocerlo alla brace, sistemandolo con la parte munita di pelle verso l’alto.

A parte, in una larga padella una di olio, cuocere i pomodori tagliati a pezzetti (senza semi) e le cipolle tritate grossolanamente o affettate. Lasciare cuocere con 1/2 bicchiere di acqua per circa 10 minuti, quindi cospargere di paprica e proseguire la cottura per altrettanto tempo. Alla fine, mescolare la salsa preparata.

A questo punto rigirare il pesce, mettendo verso la brace la parte con la pelle.

Coprire la parte già cotta (che adesso è rivolta verso l’alto) con a salsa di pomodori e cipolle e proseguire la cottura alla brace ancora per 10 minuti.

A cottura ultimata, trasferire il pesce intero su un vassoio, porlo con la parte condita rivolta verso l’alto e servirlo subito, ancora ben caldo.

 

L’appuntamento con la prossima ricetta è, come di consueto, fissato per domani; intanto, se volete restare aggiornati con i miei articoli di attualità, spettacolo e cucina, potete chiedermi l’amicizia cliccando qui e se siete alla ricerca di idee gustose per i vostri amici intolleranti al glutine, potete seguirmi mettendo il vostro like qui.

 

Un altro secondo di pesce scelto per voi:

Triglie aromatiche: cliccate qui

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!