Paolo Bonolis, doppia disgrazia: dopo l’incidente si finisce in Procura, c’è il sequestro

Bonolis

Ciao Darwin finisce in Procura

In attesa di rivedere Ciao Darwin 8 in televisione con la settima puntata, il programma di paolo Bonolis potrebbe finire in Tribunale. Infatti, secondo quanto scritto da Il Messaggero, la Procura della Capitale avrebbe aperto un fascicolo d’indagine sui drammatici incidenti accaduti durante le registrazioni del programma di Canale 5.

Sembra che lo scorso 17 aprile 2019, appuntamento andato in onda dopo due giorni, ovvero, il 19 aprile, il 54enne Gabriele Marchetti è rimasto per il momento paralizzato.

Sequestrati i rulli del Genodrome

Un fatto gravissimo mai accaduto prima nelle ultime tre edizioni di Ciao Darwin. Ricordiamo, infatti, che il Genodrome è presente soltanto dalla sesta stagione del programma tv condotto da Paolo Bonolis e con la partecipazione di Luca Laurenti. Per questo motivo la Procura di Roma ha disposto il sequestro dei rulli su cui è rimasto gravemente leso Gabriele Marchetti. Infatti si indaga per lesioni colpose, ma al momento verso ignoti, inoltre sono state disposte delle perizie sullo strumento di gioco.

“L’operazione è perfettamente riuscita ma dal momento della caduta a oggi, dal collo in giù è completamente immobile. Gabriele è vigile e cosciente ma non riesce a muoversi. Le sue condizioni sono critiche“,

ha fatto sapere il cugino intervistato da Il Messaggero.

I concorrenti infortunati a Ciao Darwin 8

Ma il 54enne non è l’unico che ha riportato delle gravi conseguenze nella prova del Genodrome. Oltre a lui, che per la caduta ha riportato due vertebre schiacciate, una lesione al midollo e problemi a respirare, ci sono altri concorrenti. Tra questi la signora Deborah Bianchi, una personal trainer che ha riportato la frattura ad un piede sempre partecipando al gioco dello scivolo. Senza ombra di dubbio, se verrà realizzata una nona stagione di Ciao Darwin, gli autori dello show e Paolo Bonolis non inseriranno più la prova del Genodrome.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!