Luigi Di Maio e le dichiarazioni choc che infiammano il web (Video)

Il ministro dello Sviluppo Economico, Luigi Di Maio

Un lapsus di troppo

Nelle ultime ore, Luigi Di Maio e le dichiarazioni choc che infiammano il web, stanno spopolando nei telegiornali italiani. Cerchiamo di ricostruire la vicenda. Di Maio torna a parlare di Armando Siri, il sottosegretario leghista sotto inchiesta per una presunta tangente. Ospite di RTL, il vicepremier pentastellato ha avuto un lapsus.

“Credo che anche Salvini farà la scelta giusta, anche perché ci sono ormai parlamentari della Lega che mi dicono che Salvini dovrebbe dimettersi”.

Il ministro del lavoro ha confuso il nome di Siri con quello del leader della Lega, Matteo Salvini. (Continua dopo il video)

Dopo la gaffe verbale, Luigi Di Maio si è subito corretto, sorridendo.

“Non credo che i parlamentari della Lega possano chiedermi questo su Salvini”.

Fiume in piena

Non c’è solo spazio per Luigi Di Maio e per le dichiarazioni choc che infiammano il web. Infatti ci mette del suo anche il critico d’arte Sgarbi:

“La verità nuda e cruda è che Luigi Di Maio, ministro del Lavoro, a lavorare non ci è mai andato.”

Vittorio Sgarbi quindi in occasione del Primo maggio lo prende in giro dal suo profilo Twitter. Il critico d’arte definisce il Movimento 5 stelle “Movimento 5 patacche” e bastona il vicepremier grillino:

“Il ministro Luigi Di Maio”, scrive, “celebra la giornata del lavoroDegli altri, s’intende”.

Moral suasion

Se Luigi Di Maio e le sue dichiarazioni choc infiammano il web, c’è anche da evidenziare delle ultime news. Cambio di linea brusco nel Movimento 5 Stelle. Ai suoi Luigi Di Maio ha chiesto di non insistere più sulle dimissioni del sottosegretario leghista Armando Siri, indagato per corruzione. Ovviamente il garantismo (questo sconosciuto) non c’entra, e non è nemmeno un “favore” all’alleato Matteo Salvini.

Al contrario, la strategia è studiata sia per non danneggiare le manovre di moral suasion del premier Giuseppe Conte sia per speculare su qualche voce inquietante che sta filtrando in queste ore.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!