Lattuga ripiena

Lattuga ripiena
Il piatto del giorno: lattuga ripiena

La ricetta di quest’oggi è quella della lattuga ripiena, un’idea gustosa, mediamente elaborata e assolutamente economica per consumare l’insalata in eccesso. Essendo una pietanza abbastanza ricca, volendo, può essere anche servita come piatto unico. Vediamo, quindi, insieme come si realizza.

 

Ingredienti per 4 persone:

4 lattughe a cappuccio

60 g di pancetta stufata

2 cucchiai di burro

2 porri

1 uovo

1 manciata di prezzemolo

2 panini raffermi

1 pizzico di noce moscata

1/2 bicchiere di latte

2 cuccchiai di parmigiano grattugiato

1 cucchiaio raso di farina

1/2 bicchiere di vino bianco secco

sale e pepe quanto basta

 

Preparazione:

Ammollare i panini in acqua, poi scolarli e liberarli della crosta più scura (“sbucciandoli”, come se fossero mandarini); alla fine strizzarli fortemente e raccogliere la mollica in una fondina. Unire la pancetta tritata, i porri e il prezzemolo tritati, un pizzico di sale, una spolveratina di pepe e di noce moscata, il parmigiano e l’albume sbattuto.

Amalgamare il tutto con cura, unendo 1 cucchiaio di burro fuso, quindi dividere il composto in 4 parti e introdurre ciascuna di queste porzioni, modellata a palla, in ogni lattuga, precedentemente lavata e asciugata.

Adagiare le lattughe su una teglia unta col burro e irrorarle con il restante burro fuso. Porle sul fuoco e farle stufare piano, coperte, per 5-10 minuti, poi bagnarle con mezzo bicchiere di vino bianco secco e alzare leggermente la fiamma.

Proseguire la cottura ancora per 10 minuti, infine versare sulle lattughe il tuorlo d’uovo diluito con il latte nel quale si sarà sciolta la farina. Passare la teglia in forno preriscaldato e far gratinare.

 

L’appuntamento con la prossima ricetta è, come di consueto, fissato per domani; intanto, se volete restare aggiornati con tutti i miei articoli di attualità, spettacolo e cucina, potete chiedermi l’amicizia cliccando qui e se siete alla ricerca di idee gustose per i vostri amici intolleranti al glutine, potete seguirmi mettendo il vostro like qui.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!