Seppie alla nizzarda

Seppie alla nizzarda
Il piatto del giorno: seppie alla nizzarda

La ricetta di quest’oggi è quella delle seppie alla nizzarda, secondo piatto di pesce internazionale molto gustoso e scenografico. Indubbiamente è un pietanza un po’elaborata, che richiede una lunga preparazione, ma il risultato vale di sicuro l’impegno necessario e tutti i vostri commensali si leccheranno i baffi. Vediamo insieme, quindi, come si realizza questa squisitezza.

 

Ingredienti per 4 persone:

1 kg di seppie di media grandezza

500 g di pomodori pelati e privati dei semi

1 decina di olive verdi snocciolate

2 cucchiai di prezzemolo tritato

1 spicchio di aglio

1 cipolla affettata finemente

3 acciughe sotto sale

1/2 bicchiere di olio di oliva

sale e pepe macinato al momento

 

Tempo di preparazione: 40 minuti

Tempo di marinatura: 1 ora

Tempo di cottura: 40 minuti

 

Preparazione:

Pulire le seppie privandole degli occhi, della vescichetta dell’inchiostro e dell’osso. Lavarle molto bene sotto l’acqua corrente, eliminare i tentacoli e tagliare le sacche a metà o in quattro, a seconda della grandezza delle seppie. Metterle su un largo piatto, salare, pepare, irrorare con metà olio e lasciar riposare per circa un’ora.

Far soffriggere in un tegame, con il restante olio, la cipolla; quando si sarà un po’appassita, unire il prezzemolo e l’aglio e continuare la rosolatura per cinque minuti. Spezzettare i pomodori e unire anche questi, salare, pepare ancora, se necessario, e lasciar cuocere a fuoco moderato, mescolando spesso. Eliminare l’aglio.

Lavare e diliscare le acciughe.

Far scaldare la griglia e, quando sarà ben calda, disporvi le seppie e lasciarle cuocere a fuoco non eccessivo da ambo le parti, ungendole di tanto in tanto con un po’di olio della marinata.

A cottura ultimata, versare la salsa di pomodoro ormai pronta su un piatto di portata caldo, porvi sopra le seppie, su ognuna mettere un pezzetto di acciuga, circondarle con le olive e servirle.

N.B. In questa preparazione i tentacoli di seppia non vengono usati, perché è difficile che riescano a cuocere sulla griglia; potranno, però, servire per preparare un saporito sugo col quale condire una pastasciutta. Le olive verdi potranno essere sostituite con quelle nere, tipo Riviera, che verranno aggiunge, a metà cottura, alla salsa di pomodoro.

 

L’appuntamento con la prossima ricetta è, come di consueto, fissato per domani; intanto, se volete restare aggiornati con i miei articoli di attualità, spettacolo e cucina, potete chiedermi l’amicizia cliccando qui e se siete alla ricerca di idee gustose per i vostri amici intolleranti al glutine potete seguirmi mettendo il vostro like qui.

 

Potrebbe interessarvi anche:

Ravioli di pesce e spinaci con sugo di vongole: cliccate qui

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!