Paolo Bovi in cacerce: dovrà scontare 5 anni e mezzo per molestie sui minori

Paolo Bovi: 5 anni e mezzo per molestie sui minori.

Paolo Bovi, il fondatore dei Modà, è stato condannato ad una pena di reclusione di 5 anni e mezzo. Il reato attribuitogli è la violenza sessuale su minori. La Procura aveva chiesto 6 anni ed 8 mesi. A decidere per una pena leggermente minore, è stato il gup di Milano, Cantù Rajnoldi. Si è proceduto con rito abbreviato.

Paolo Bovi accusato di molestie sui minori

L’accusa sostiene che nel 2011, Paolo Bovi, avrebbe molestato 4 ragazzi minori. Era il periodo in cui faceva l’animatore in una parrocchia nei pressi di Milano. Il fonico avrebbe costretto i minorenni a spogliarsi di fronte a lui e a ricevere dei massaggi all’interno dello studio di registrazione, ove svolgeva lezioni di chitarra. C’è ancora un altro particolare rilevante ai fini della decisione: durante una gita in Val D’Aosta, Paolo Bovi avrebbe sollecitato i minori a stare con lui nudi nel sacco a pelo.

Paolo Bovi è stato denunciato per molestie sui minori

Il 14 gennaio 2013, a seguito della denuncia dei 4 minori, Bovi, è stato posto in stato di fermo e poi agli arresti domiciliare, con obbligo di portare il braccialetto elettronico anti-fuga. Galeotto è stato il braccialetto. Infatti,  il 23 marzo, Bovi cerca di suicidarsi, ma il braccialetto si rompe; i carabinieri si recano seduta stante, e lo trovano in fin di vita, all’interno della sua auto, col tubo di scappamento ancora infilato nell’abitacolo. I 4 minorenni si sono costituiti parte civile, e solo uno di loro, ha accettato il risarcimento di 1omila euro.

I colleghi di Paolo Bovi, non commentano la notizia, ma lasciano trapelare la loro delusione.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!