Wanna Marchi e Stefania Nobile: “La tv ci ha ucciso”

Wanna Marchi

Hanno lasciato l’Italia, non senza però risparmiarsi pesanti critiche verso quel che si sono lasciate. Finite nell’occhio del ciclone per il loro passato, Wanna Marchi e Stefania Nobile prendono di nuovo parola, sulla tv, ambiente a lungo frequentato.

Prima con le televendite, quindi, dopo essere state condannate in sede processuale e aver scontato la pena comminata, con ospitate nei più famosi salotti televisivi, dal Maurizio Costanzo Show ai talk di Barbara d’Urso. Esperienze che appartengono però al passato: entrambe hanno cambiato, infatti, vita, raccontata in una intervista.

Wanna Marchi e Stefania Nobile: addio all’Italia per emigrare in Albania

Senza usare mezzi termini, madre e figlia accusano il mondo dello spettacolo di averle uccise una volta, dunque non faranno il bis. Accolte a varie riprese in popolari trasmissioni, hanno escluso la possibilità di un ritorno sul piccolo schermo. Oggi abitano in Albania, dove possiedono tre locali e operano come imprenditrici nel ramo della ristorazione.

Hanno provato in ogni modo a non lasciare il loro paese – commentano le due – ma nessuno offre un lavoro alle ‘Marchi’. Si è pertanto reso inevitabile trasferirsi in Albania per proseguire con le loro esistenze. Come raccontano al numero del settimanale Chi già in edicola hanno aperto tre locali e non pensano più alla televisione.

Un’onta impossibile da cancellare

D’altro canto Stefania spiega che restare in Italia era praticamente diventato impossibile. Infatti, i soldi ormai scarseggiavano e non vedevano modo per guadagnarle. Lavorare risultava difficile, in quanto Marchi. Così, in preda all’istinto, ha suggerito a sua madre di venire che avrebbero ricominciato lì.

A farle ecco la mamma Wanna Marchi, secondo cui hanno tentato ogni via per non abbandonare il Paese, finendo però sempre rifiutate. Nessuno, ripete anch’essa, offre un lavoro alle Marchi. Non riuscivano a fare la spesa e da qualche parte dovevano ricominciare.

Sulla reclusione in carcere, la Nobile evidenzia che è una macchia ancora presente, malgrado tutto. Non è semplice – racconta – sentirsi sporchi nonostante un debito con la giustizia strapagato a caro prezzo. Infine, le due escludono qualunque possibilità di mostrarsi nuovamente sul piccolo schermo. La tv li ha uccisi una volta, non faranno il bis, la loro chiosa finale. Nello scorso mese di marzo ha lasciato esterreffati la partecipazione a Live – Non è la d’Urso, dove, interrogate sul comportamento in passato, Wanna Marchi e Stefania Nobile non hanno mostrato segni di pentimento per aver venduto del sale a “def******i che ci hanno creduto”.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!