Pressione alta: alcuni cibi sono da evitare: ecco quali

Cucinare senza sale

In occasione della Giornata mondiale della Lotta contro l’Ipertensione, sabato 18 maggio si tiene la quinta edizione di Medico Amico Day con l’iniziativa “A cuor leggero”, promossa dal Sindacato nazionale autonomo medici italiani (Snami).

L’ipertensione essendo asintomatica non viene diagnoticata facilmente, per cui si scopre a seguito di ricoveri ospedalieri per eventi cardiovascolari acuti, ad esempio un infarto o ictus. Molti italiani ad esempio risultano ipertesi senza saperlo. Chi ne soffre in effetti è maggiormente esposto al rischio di infarti, ictus, coronaropatie, insufficienza renale e arteriosclerosi.

In questa occasione nei maggiori centri commerciali di 12 città italiane, i cittadini potranno sia sottoporsi a un controllo gratuito della pressione arteriosa e anche a un controllo del carrello della spesa, per ricevere consigli su come diminuire il rischio di ipertensione a partire dalla dieta. Ed in effetti la pressione alta oltre che con i farmaci, si può combattere anche a tavola con la dieta.

In questo senso gli acquisti che facciamo al supermercato sono piuttosto indicativi. Secondo gli esperti, la cura dell’ipertensione passa per le tre C: ovvero Controlli regolari, Camminare per fare il giusto movimento e anche Carrello di cibi-sani, perché, come detto, anche la dieta gioca un ruolo importante nel tenere sotto controllo l’ipertensione.

Ipertensione: gli alimenti da evitare

In caso di pressione alta il consumo di alcuni alimenti andrebbe limitato o evitato del tutto. In primis ridurre il sale. Tutti i cibi ad alto contenuto di sale (insaccati, cibi industriali, prodotti in salamoia) andrebbero limitati o meglio ancora evitati del tutto. Da evitare anche quelli troppo ricchi di zucchero. Ci riferiamo non soltanto al sale che aggiungiamo sulle pietanze per insaporirle, ma anche a quello contenuto già negli alimenti che acquistiamo. Al posto del sale è possibile esaltare il sapore dei cibi con erbe aromatiche, quali cipolla, aglio, prezzemolo e sedano, rosmarino, origano, maggiorana, timo. Anche le spezie sono utili ad insaporire i cibi, in particolare possiamo utilizzare peperoncino, pepe, noce moscata, zafferano.

Da limitare anche i condimenti alternativi al sale che contengono sodio, ad esempio dado di brodo, ketchup, senape. Se proprio non si riesce a farne a meno, è opportuno scegliere il sale dietetico a minor contenuto di sodio.

Da limitare invece il consumo di carni rosse, formaggi e prodoitti da forno. Per quanto riguarda le bevande, il tè, caffè e vino vanno limitati.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!