Glicemia: gli alimenti più indicati per abbassarla

Dieta per sgonfiare la pancia

La glicemia può essere abbassata anche con determinati alimenti, ovviamente ciò non implica che si possa e si debba fare a meno di rivolgersi a un esperto, quale un nutrizionista. Gli alimenti che vi indichiamo di seguito sono in grado di diminuirne i livelli. Ecco quali sono.

Alimenti che abbassano la glicemia: ecco quali sono

Intanto valgono alcune considerazioni di carattere generale. Per indice glicemico si intende la capacità di un alimento di far aumentare la glicemia dopo il suo consumo. Pertanto andranno privilegiati gli alimenti con un basso indice glicemico, che non solo aiutano a mantenerne i valori entro i limiti, ma evitano anche i picchi gliemici post prandiali, ovvero dopo pranzo.

In questo senso sono da preferire le farine integrali che presentano un indice glicemico più basso rispetto a quelle raffinate. Riguardo alla pasta si può seguire un accorgimento molto semplice: cuocerla al dente ci dà un indice glicemico più basso rispetto a quella troppo cotta. Inoltre va controllata bene l’etichetta: vi deve essere scritto dicitura farina integrale o 100% integrale.

1) Mantenere il peso nella norma. Si tratta di uno dei metodi naturali più efficaci per tenere sotto controllo la glicemia. Una alimentazione corretta supportata da una adeguata attività fisica, aiuta a mantenere il peso corporeo nella norma. Questo è importante perché così possiamo evitare quella che si definisce “oibesità centrale”, ovvero il grasso localizzato nella zona addominale.

2) Le fibre per abbassare la glicemia. Il consumo quotidiano di fibre pari almeno a 50 grammi è in grado di diminuire la glicemia nelle persone con diabete di tipo 1. Nei pazienti con diabete di tipo 2, oltre che la glicemia, riduce anche l’insulinemia e il colesterolo. In particolare il consumo quotidiano di fibre per ridurre la glicemia dovrebbe essere pari a 14 grammi/1.000 calorie.

3) La frutta per abbassare la glicemia. Le mele che sono molto ricche di fibre, aiutano a tenere sotto controllo la glicemia e il colesterolo. Inoltre hanno molte vitamine, sono povere di calorie e risultano molto sazianti. Indicato il consumo anche di prugne secche, in quanto oltre a dare un buon apporto di fibre, riattivano la regolarità intestinale, soprattutto in caso di stitichezza.

4) Tra gli ortaggi invece sono indicate le cipolle che abbassano i livelli di colesterolo nel sangue, i carciofi che depurano il sangue e disintossicano il fegato e le carote che non possono mancare in una dieta a base di fibre.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!