Pressione alta, un aiuto da una nota bevanda: ecco quale

Stando a uno studio condotto dai ricercatori del  King’s College di Londra, per combattere l’ipertensione potrebbe venire in aiuto una nota bevanda, di cui anche in Italia si fa largo consumo. I ricercatori hanno scoperto infatti che una molecola presente nel vino rosso potrebbe avere un effetto antipertensivo. Ma andiamo a considerare nello specifico cosa hanno scoperto i ricercatori.

Resveratrolo contenuto nel vino rosso

I ricercatori nello specifico hanno scoperto che il resveratrolo, al centro di numerosi studi, sarebbe in grado di interagire con la proteina Pkg1a, che si trova nei vasi sanguigni. Il resveratrolo ha il seguente meccanismo d’azione: porta l’ossigeno alla proteina consentendo in tal modo ai vasi sanguigni di rilassarsi e di espandersi. In questo modo si ottiene il risultato di abbassare la pressione.

Si tratta quindi di una scoperta importante in quanto comprende più a fondo in che modo questa molecola, che si trova contenuta nel vino rosso, possa avere un effetto nel diminuire la pressione alta. In particolare questo effetto è stato ottenuto sia in laboratorio che su alcuni topolini.

Tuttavia va considerato che per beneficiare degli effetti positivi del resveratrolo bisognerebbe bere una quantità insostenibile di vino. Non sarebbe infatti sufficiente un solo bicchiere, bensì ne occorrerebbe il contenuto di circa mille bottiglie. Pertanto il vino di per sè non ha effetto nell’abbassare la pressione.

Tuttavia lo studio ha permesso di comprendere meglio il meccanismo di funzionamento di questa molecola. Ciò potrebbe rivelarsi utile per mettere a punto farmaci che possano agire in maniera analoga. Questo potrebbe essere quindi l’obiettivo di future ricerche. Lo studio, di cui vi abbiamo dato conto nell’articolo, è stato pubblicato sulla rivista Circulation.

Alcol: perché è dannoso

L’alcol, nel caso in cui se ne abusi, si associa a un aumento della pressione arteriosa sia negli uomini che nelle donne. Inoltre se si sta seguendo una dieta dimagrante, si consiglia di ridurre il consumo di bevande alcoliche in quanto apportano anche calorie.

Questo rapporto tra alcol e pressione arteriosa viene in rilievo quando il consumo quotidiano di vino eccede i 20 grammi, che corrispondono a circa 200 ml di vino, ovvero a 1-2 bicchieri. Bere con moderazione è quindi fondamentale per prevenire il rischio di ipertensione arteriosa o smettere di farlo in caso di ipertensione già accertata.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!