‘Ma come ti permetti…’: grande bufera su Milly Carlucci a poche ore dalla semifinale di Ballando con le Stelle 14

Milly Carlucci

La vicenda di gossip Veera Kinnunen e Dani Osvaldo

Da una settimana a questa parte non si è fatto che parlare della gelosia di Stefano Oradei nei confronti della sua fidanzata Veera Kinnunen. Ricordiamo che quest’ultima è in gara a Ballando con le Stelle 14 con l’ex calciatore Dani Osvaldo.

Dopo che un magazine di gossip ha pubblicato gli scatti di un forte litigio, nella puntata di ieri sera Milly Carlucci ha deciso di dire la sua sulla vicenda. La conduttrice abruzzese ha praticamente rimproverato Oradei che nel talent show gareggia con Suor Cristina.

Milly Carlucci rimprovera Stefano Oradei

Milly Carlucci ha definito Veera Kinnunen come un membro della grande famiglia di Ballando con le Stelle, una figlia, e ha più volte sottolineato la sua professionalità.

“Te lo dico da mamma e da capo di questo gruppo, è questa la cosa che non è accettabile”, afferma. “È vero che sono momenti di fragilità, ma queste fragilità a 35 anni si gestiscono… in questo ambiente e nel lavoro che facciamo”,

ha detto la nota conduttrice. A quel punto il diretto interessato ha preso la parola chiedendo scusa alla fidanzata Veera Kinnunen e a tutti. Anche la ballerina ha voluto dire la sua ribadendo che tra lei e Osvaldo c’è solo un rapporto professionale. (Continua dopo la foto)

Il popolo del web contro Milly Carlucci

Ma il comportamento di Milly Carlucci non è piaciuto per niente a gran parte dei telespettatori e al popolo del web. Infatti quest’ultimi, subito dopo aver visto la conduttrice rimproverare Stefano Oradei si sono precipitati sui vari social network per dire la loro.

In pratica hanno ‘tirato le orecchie’ alla padrona di casa di Ballando dicendo che lei non aveva nessun diritto a dire quelle cose in televisione visto che si tratta di una faccenda privata. Inoltre, altri internauti hanno paragonato la Carlucci a Barbara D’Urso quando fa delle strigliate ai concorrenti del Grande Fratello.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!