Caso Pamela Prati: ‘Mark Caltagirone esiste davvero’, la clamorosa indiscrezione di Dagospia

Pamela Prati

Pratiful

Sabato pomeriggio su Canale 5 è andata in onda l’ultima puntata stagionale di Verissimo. I telespettatori attendevano con molta agitazione l’intervista di Silvia Toffanin a Pamela Prati. Quest’ultima, infatti, dopo mesi di bugie ha deciso di raccontare la sua verità.

Nello specifico la soubrette sarda ha confessato che solo da pochi giorno si è resa conto che Mark Caltagirone non esiste.

La 60enne ha dato le colpe alle sue due ex agenti Eliana Michelazzo e Pamela Perriciolo di averla presa in giro facendole credere in una storia d’amore con una persona che non esiste. Alla compagna di Pier Silvio Berlusconi ha detto anche di avere molta paura perché non sa sa chi c’è dietro a tutta questa assurda vicenda.

La battuta di Dagospia

Le dichiarazioni di Pamela Prati nel salotto di Verissimo non hanno per niente convinto Dagospia, il sito di Roberto D’Agostino. Infatti subito dopo l’intervista sul portale è apparso il seguente messaggio:

“E’ più ipotizzabile l’esistenza di Mark Caltagirone che la sincerità della Prati’.

L’attacco di Selvaggia Lucarelli ed Eliana Michelazzo a Pamela Prati

Oltre a D’Agostino e gran parte degli utenti web, anche un altro personaggio dello spettacolo non ha creduto per niente alla soubrette sarda. Stiamo parlando di Selvaggia Lucarelli, blogger e giurata di Ballando con le Stelle 14. Quest’ultima, infatti, dopo aver udito le dichiarazioni della 60enne si è precipitata sui suoi profili social scrivendo questo:

“Alla Prati saranno pure dette delle bugie, ma lei ne ha raccontate a decine a noi pagata e davanti le telecamere. Come oggi”.

Durante l’intervista della Prati nella trasmissione di Silvia Toffanin, un’altra protagonista della vicenda ha commentato su Instagram le parole della sua ex amica. Ecco la Storia di Eliana Michelazzo:

“Sono io la vittima. Non ho plagiato nessuno, quelle di Pamela Prati sono accuse infondate. Forse altra gente le ha fatto un lavaggio del cervello”.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!