Ylenia Carrisi ‘in viaggio per Las Vegas’: un portale iberico racconta l’indiscrezione sulla figlia di Al Bano e Romina Power

Ylenia Carrisi

La sparizione della figlia di Al Bano e Romina Power

Da oltre 25 Al Bano e Romina Power hanno perso le tracce della loro primogenita Ylenia Carrisi. Quest’ultima, infatti, durante una vacanza a New Orleans è sparita nel nulla facendo sospettare che ormai sia morte.

Non è dello stesso avviso la cantante statunitense che continua a cercarla e a diffondere locandine con la foto della figlia. Negli ultimi giorni, però, il portale iberico El Cierre Digital ha cercato di ricostruire la vicenda, facendo luce su alcune strane verità. Andiamo a vedere nel dettaglio cosa ha riportato il sito.

Ylenia Carrisi, un portale iberico indaga sulla sua scomparsa

Il nome di Ylenia Carrisi torna ad essere menzionato. Recentemente, infatti, in portale spagnolo insinuato diversi dubbi. David González ha sottolineato che la vicenda della scomparsa della figlia di Al Bano e Romina Power è uno dei casi di cronaca nera più inquietanti mai raccontati.

Ognuno ha una propria ipotesi su come si siano svolti realmente i fatti. In tutti questi anni molti fan della storica coppia hanno chiesto alla stampa di mantenere il silenzio per rispetto dei genitori. Ma allora per quale motivo si continua a parlare di questa scomparsa? Il Maestro Carrisi e l’ex moglie sono conosciuti ovunque grazie alla loro musica, quindi tutto il mondo si è interessato di questo caso.

Ylenia Carrisi voleva recarsi a Las Vegas? 

Quasi 15 anni fa la giornalista Lydia Lozano disse di avere dei dati che attestavano che Ylenia era ancora viva. Affermazioni che crearono una forte polemica. In quell’occasione Al Bano Carrisi manifestò il suo sdegno verso l’accanimento da parte dei giornali e dei media, ma anche della falsità di quanto svelato dalla conduttrice.

All’epoca quest’ultima fece un passo indietro chiedendo in diretta e con le lacrime agli occhi, scusa alla storica coppia. Nel 2011, invece, si tornò a parlare della sparizione di Ylenia per via di una news riportata dalla rivista Freizet Reuve che aveva scritto la possibilità che la ragazza fosse rinchiusa in un convento. Notizia che non ha mia trovato riscontri positivi. Infine la testimonianza di un certo Keith Hunter Jesperson, un uomo che ha ucciso otto ragazze.

L’assassino disse che l’aveva assassinata nel 1994, nella cabina del camion che guidava, che l’aveva presa a Tampa perché la Carrisi voleva recarsi a Las Vegas. Ma la giovane gli aveva detto di chiamarsi Susan. La foto identificativa che le forze dell’ordine gli mostrarono era quella di Ylenia. Ma dopo giorni anche questa pista si è dimostrata infondata.