Pamela Prati replica alle dichiarazioni dell’avvocato Carlo Taormina

Pamela Prati ha voluto rispondere pubblicamente alle affermazioni dell’avvocato Carlo Taormina. Ecco che cosa ha detto la showgirl.

Le dichiarazioni dell’avvocato Carlo Taormina

Qualche settimana fa Carlo Taormina ha rinunciato al suo incarico e ha preso le distanze da Pamela Prati. L’avvocato ha ammesso di aver visto e sentito cose poco chiare nell’agenzia Aicos e per questo ha preferito rinunciare a rappresentare Pamela Prati. Recentemente intervistato da Tele Lombardia, l’avvocato ha rilasciato anche altre dichiarazioni:

Pamela Prati mi ha chiesto di andare da Barbara D’Urso a testimoniare che Mark Caltagirone esisteva. Io ho detto di no, non sono caduto nella loro trappola. Ho tenuto il gioco fino a quando ho avuto la prova in mano che fosse una farsa. E così ho rimesso il mandato.

Poi ha continuato a ribadire la sua ipotesi secondo la quale la showgirl era molto lucida durante tutta la vicenda, particolare che non combacia con l’essere una vittima:

La Prati voleva dettare la linea difensiva. Intendeva dirmi come mi sarei dovuto comportare. A me è sembrata sempre molto lucida e determinata, impossibile prefigurare la circonvenzione di incapace. Pamela Prati ha sempre capito le cose come stavano, inizialmente era convinta di quello che stava facendo con le agenti, ma successivamente non lo so. Mi stavano prendendo in giro.

La replica di Pamela Prati

Pamela Prati continua a ribadire con forza di essere stata raggirata e presa in giro. La showgirl ha detto a Silvia Toffanin a Verissimo di “esserci cascata” e di aver creduto all’esistenza di Mark Caltagirone perché si trovava in un momento molto fragile della sua vita. Ora, attraverso Instagram, la Pamela continua a mandare qualche frecciatina e qualche messaggio, l’ultimo proprio all’avvocato Carlo Taormina. Ecco che cosa ha scritto:

Riguardo alle dichiarazioni rilasciate dall’avvocato Taormina voglio specificare che io non gli ho MAI chiesto di garantire per me l’esistenza di Marco Caltagirone. Gli avevo solo chiesto di accompagnarmi in trasmissione per tutelare la mia posizione da buon avvocato quale pensavo che fosse. Devo ricredermi. Anche la sua posizione verrà valutata nelle opportune sedi.

Dal gossip al tribunale

Al momento si stanno compiendo delle indagini sull’operato dell’agenzia Aicos Management di Eliana Michelazzo. Molti vip hanno testimoniato di essere stati raggirati da falsi profili e false identità. Non solo, ma si sta indagando anche e soprattutto sulle due aggressioni avvenute con l’acido e sul racconto dell’affidamento di due bambini.

Quest’ultimo fatto è molto grave. Pamela Perricciolo ha “usato” un bambino con la promessa di renderlo un attore protagonista di una fiction per dare seguito alla storia di Pamela Prati e Mark Caltagirone. Il bambino in questione doveva interpretare il figlio italo-spagnolo con un tumore alla gola di un ricco imprenditore.

La versione di Pamela Perricciolo

Se Eliana Michelazzo e Pamela Prati hanno deciso di dire di essere delle vittime, Pamela Perricciolo ha confessato che erano d’accordo tutte e tre sia nella storia di Simone Coppi sia in quella di Mark Caltagirone. Hanno anche firmato un contratto di riservatezza per non divulgare informazioni. Come evolverà questa terribile vicenda?

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!