Acqua calda e limone: attenzione a un effetto collaterale che non tutti conoscono

L’acqua calda e limone è un rimedio della nonna molto utilizzato che viene consigliato a chi soffre di problemi di stomaco. Tuttavia vi sarebbe qualche inconveniente non trascurabile a cui prestare debita attenzione.

Acqua calda e limone, nasconde una insidia: ecco quale

In particolare questo rischio si verifica se siamo soliti consumare questa bevanda in un contenitore di plastica. La ragione di questo pericolo è molto semplice: la plastica a contatto con l’agrume si corrode rilasciando sostanze tossiche. Nello specifico le sostanze tossiche rilasciate sono il bisfenolo A e gli ftalati.

In questo senso non è un caso che il National Toxicology Panel fornisca delle indicazioni in merito al lavaggio dei contenitori di plastica che non dovrebbero essere messi nel forno a micronde nè essere lavati nelle lavastoviglie, in quanto proprio l’esposizione continuata alle elevate temperature è causa del rilascio del bisfenolo A. Ma cos’è il bisfenolo A?

Il bisfenolo A (BPA) non è altro che una sostanza chimica che si trova nei contenitori alimentari per renderli più resistenti. Lo si trova soprattuto nelle plastiche trasparenti rigide, ad esempio nelle bottiglie per bibite. Questa sostanza viene rilasciata non appena entra in contatto con i liquidi.

Bisfenolo A: perché è pericoloso per la salute

Il bisfenolo viene considerato un interferente endocrino, ovvero è in grado di alterare l’equilibrio endocrino: produce effetti negativi sul sistema riproduttivo, nervoso ed immunitario. Nel 2015 l’autorità europea per la sicurezza alimentare (European Food Safety Autority, EFSA) ha fissato dei nuovi livelli di tollerabilità di questa sostanza per l’organismo umano: in quest’ultima valutazione la dose giornaliera sostenibile è stata ridotta da 50 a 4 microgrammi per chilo di peso corporeo.

Bevanda con acqua e limone: benefici e controindicazioni

La bevanda con acqua e limone presenta effetti benefici noti: aiuta la regolarità intestinale e contrasta il gonfiore addominale. Inoltre è anche un diuretico naturale, per cui aiuta l’organismo ad espellere le tossine. Tuttavia nel caso in cui venga assunto a digiuno, anche se viene diluito con l’acqua, può essere causa di irritazione della mucosa gastrica. In particolare può causare gastriti e nei casi più gravi ulcere. Oltre a ciò, l’acido citrico potrebbe danneggiare lo smalto dei denti.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!