Enzo Paolo Turchi, il dramma del marito di Carmen Russo: ‘Ho una pensione da fame, non riesco a…’

Enzo Paolo Turchi

Il dramma dell’ex ballerino e coreografo Enzo Paolo Turchi

Dopo anni d’assenza dal piccolo schermo, Enzo Paolo Turchi è tornato in televisione, ma non in un programma di danza. Il marito di Carmen Russo e padre della piccola Maria ha avuto un duro sfogo per la sua situazione finanziario. L’uomo, infatti si è lamentato per una pensione da fame che percepisce dopo tanti anni di lavoro. Ma andiamo a vedere nello specifico cosa ha detto l’ex coreografo.

Il marito di Carmen Russo rivela di prendere una pensione da fame

Ospite a Dritto e Rovescio, il programma d’approfondimento di Rete 4 condotto da Paolo Del Debbio, l’ex ballerino che è diventato celebre per il ‘Tuca Tuca’ con Raffaella Carrà, si è lamentato perché percepisce una pensione bassissima. Stando alle parole di Enzo Paolo Turchi prende 720 euro mensili dopo tanti anni di lavoro. Il marito di Carmen Russo ha parlato del suo lavoro dicendo:

“Un ballerino che gli ultimi anni non è in piena forma lavora meno, insegna e fa altro, anche quando si lavorava si faceva un programma di due mesi poi ci si fermava”.

La questione delle pensioni basse nel nostro Paese

Enzo Paolo Turchi che oggi ha 70 anni, nonostante tutto si sente molto fortunato raccontando che altri suoi colleghi ballerini su per giù prendo tutti la stessa cifra di pensione.

“Bisognava farsi una pensione da soli”,

ha affermato l’ex coreografo. Le dichiarazioni di quest’ultimo, senza ombra di dubbio hanno riacceso i fari su una questione che per milioni di italiani è di rilevanza vitale. A testimoniarlo, infatti, che moltissimi sono stati i commenti a favore alle sue affermazioni sui vari account social che lo riguardano (Facebook e Instagram). Enzo Paolo Turchi è arrivato al successo negli anni Ottanta, collaborando con i più grandi artisti dell’epoca. Nel 1983 l’incontro con Carmen Russo sul set di Drive In, poi le nozze e una carriera in cui ha collezionato un successo dietro l’altro.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Calogero Latino: Non c’è niente di speciale nella scrittura. Devi solo sederti davanti alla macchina da scrivere e metterti a sanguinare. (Ernest Hemingway)