Giampiero Mughini appoggia Collovati: “Donne ignoranti di calcio”

Giampiero Mughini

Giampiero Mughini sta con Fulvio Collovati per le battute sulle donne che non possono parlare di calcio in quanto non sufficientemente preparate. Nell’editoriale pubblicato su Dagospia l’opinionista e noto tifoso juventino precisa subito che sta con il campione del mondo 1982, criticatissimo dopo l’infelice battuta riguardo al sesso femminile.

Giampiero Mughini dà ragione a Fulvio Collovati

Quando lesse della battutaccia pensò immediatamente che avesse colto il bersaglio. Chiaramente – precisa – la sua era una semplificazione estrema, uno schiamazzo sarcastico, un voler stuzzicare con il sorriso sulle labbra. Quando ha incontrato la moglie Caterina negli studi televisivi, le ha chiesto di portargli i suoi saluti.

Perché aveva le sue ragioni? Non certamente nel fatto che la totalità delle signore non sia in grado “di capire” lo sport nazionale, una tale fesseria da non dover essere manco presa in considerazione. Neppure un istante.

Secondo Giampiero Mughini la giornalista di Sky Ilaria d’Amico sa raccontare e spiegare i romanzi del football con eleganza. L’attrice Cristiana Capotondi, spesso sua coinquilina negli studi televisivi Mediaset, ne possiede una vastissima conoscenza. L’amica di lunga data Emanuela Audisio racconta il calcio e qualsiasi altra disciplina con una grazia stilistica comparabile a Ernest Hemingway. E potrebbe andare avanti ancora a lungo.

Tuttavia, almeno da un punto di vista storico, tra il calcio e la sensibilità femminile diffusa c’è stato un muro impenetrabile. E ne ha la prova a casa con Micaela, una compagna formidabile, con cui ragionare e vivisezionare libri di letteratura americana, mostre fotografiche, film, serie tv, un oggetto di design firmato Gaetano Pesce o Ettore Sottsass, una canzone di Giorgio Gaber, il menu di un ristorante che predilige la “nouvelle cuisine”, ma mai mai mai una partita della Vecchia Signora. Mai.

Non che in privato ne senta particolarmente il bisogno, ma qualche volta è così. Dopo il 3-0 impartito dagli uomini di Allegri all’Atletico Madrid di Simeone voleva argomentare. E l’ha fatto. Lo sguardo assente di Michela ha dimostrato che non provava nessun interesse.

Una metà molto consistente del cielo

Dunque, Giampiero Mughini evidenzia che ci sono mille indizi a testimoniarlo. Nei set televisivi di ciascun canale televisivo dove si disquisisce sul calcio, a partire da quando Alba Parietti mise in mostra il meglio di sé stessa, compare sempre una ragazza.

99 volte su 100 è una che si siede, ostenta le cosce, accavalla le gambe un paio di volte, mai però una volta che dai suoi occhi traluca un’emozione relativamente alle gran cose del calcio di cui stanno discutendo. Se fosse una donna si sentirebbe offesa da questa metà molto consistente del cielo.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!