Gelsia energia: l’offerta che si adatta alle tue esigenze

Trovare l’offerta migliore per la fornitura di luce e gas oggi non è poi così difficile. Gelsia energia propone tariffe diverse a seconda degli utilizzi della singola famiglia. Personalizzando al massimo l’offerta è possibile avere a disposizione il contratto di fornitura di luce e gas che ci permette di spendere meno, pur mantenendo tutti i servizi di cui abbiamo bisogno.

Scegliere l’offerta giusta

Chi si lamenta oggi per il caro bollette non ha motivo di farlo. Se si spende troppo per luce e gas non è infatti responsabilità delle aziende, ma del singolo cliente, che non ha ancora dedicato un poco del proprio tempo a cercare la proposta migliore. Le proposte oggi disponibili, targate Gelsia energia, sono infatti molteplici, cucite sulle abitudini delle famiglie italiane.

Per spendere meno è quindi sufficiente valutare le proposte disponibili, direttamente in rete, per poi selezionare quella che meglio risponde alle esigenze del singolo. Non tutti infatti hanno comportamenti identici tra loro; per fare un banale esempio, c’è chi è a casa solo nelle ore serali, quindi preferisce per la luce le tariffe bi-orarie, e chi invece è in casa tutto il giorno e quindi predilige la tariffa mono-oraria. L’importante sta nel selezionare l’offerta più interessante, non in senso assoluto, ma considerando i propri consumi.

Come confrontare le tariffe

Per poter confrontare le offerte di Gelsia energia con quelle del fornitore cui ci rivolgiamo attualmente è necessario, prima di tutto, avere una chiara conoscenza di quanto si spende ora. Per farlo è sufficiente avere a disposizione una bolletta recente, che non sia stata emessa più di tre mesi fa.

Sulla bolletta infatti sono riportate tutte le spese ad essa connesse: sia la tariffa pagata per la fornitura di gas e luce, sia le tasse e i cosiddetti oneri di sistema. Importante da comprendere è il fatto che il cliente dovrebbe interessarsi esclusivamente al costo della fornitura, perché la tassazione e gli oneri di sistema sono praticamente identici indipendentemente dal gestore di servizi prescelto.

Cambiare gestore

Lamentarsi delle bollette troppo care senza fare nulla spesso è dovuto al timore che il cambio di gestore sia troppo complesso, o che comporti dei disservizi. Un tempo infatti per cambiare gestore era necessario fermare la fornitura corrente, per poi attivare quella nuova. Il risultato si traduceva necessariamente in almeno qualche ora di mancanza di fornitura, se non addirittura in qualche giorno.

Oggi le cose sono assai diverse, per cambiare gestore il cliente non si deve più preoccupare praticamente di nulla. Basta infatti scegliere un nuovo gestore e comunicargli i dati del punto fornitura, oltre alla scelta del contratto che più interessa, scelto tra le proposte di Gelsia energia. Sarà poi l’azienda stessa a preoccuparsi di tutta la parte burocratica, compresi i contatti con il vecchio gestore. Conviene ricordare che, al cambiare del fornitore, il vecchio gestore emetterà una fattura di conguaglio, richiedendo l’intero importo necessario a saldare tutti i consumi già effettuati sino al giorno del cambio di gestore. I dati riguardanti il punto fornitura si trovano semplicemente in bolletta.