Melone? Dissetante e nutriente, dal bel colore solare!

Il melone è uno dei frutti tipici della stagione estiva; il suo sapore è dolce e gustoso; se si consuma nel momento in cui ha raggiunta la sua completa maturazione è ottimo, la polpa è molto succosa e profumata. In commercio si cono diverse varietà di melone, quello con la polpa arancione, quella gialla e la varietà a polpa bianca.

melone bianco Per quanto riguarda le sue proprietà benefiche cominciamo con il dire che il melone ha un’altissima percentuale di acqua, pensate che ne contiene circa il 95%, è molto ricco di vitamina C, vitamina B e vitamina A e sali minerali come ferro, fosforo e calcio; non tutti sanno che il melone contiene un agente anticoagulante, molto utile quindi nel prevenire la formazione di grumi nel sangue, causa di infarto o ictus. E’ utile per depurare i reni, aiuta chi soffre di bruciori di stomaco e grazie all’elevata quantità di acqua che lo caratterizza, dona sensazione di freschezza e di sollievo dalla calura estiva. Ha pochissime calorie.  Ma non basta perchè il melone ha molti altri aspetti positivi per il benessere della nostra salute, infatti l’alta quantità di fosforo e di calcio sono un valido aiuto nei confronti dell’osteoporosi; e il potassio presente nella sua polpa ha effetti positivi sulla circolazione e sulla pressione arteriosa. Il suo consumo infatti è indicato per la prevenzione del cancro, in quanto è ricco di carotenoidi, utili appunto per contrastare l’insorgenza del cancro e per ridurre il rischio di tumore ai polmoni. Il consumo del melone è anche un valido aiuto per migliorare la digestione perché stimola l’equilibrio intestinale e la presenza di sali minerali contribuiscono a eliminare l’acidità  favorendo quindi la digestione. Il melone è un’ottima fonte di energia naturale, grazie agli zuccheri naturali in esso presenti, ma anche grazie alla presenza di vitamina B, necessaria per la produzione di energia da parte dell’organismo. Grazie all’adenosina contenuta nel melone, il sangue si mantiene fluido, perciò mangiando melone si riduce il rischio di ictus e infarti. Un altro aspetto molto positivo è che per via dell’elevata quantità di acqua che lo caratterizza, ha un ottimo effetto diuretico, aiutando quindi i reni a mantenersi in salute. Bisogna tenere presente però che non indicato per coloro che soffrono di diabete perchè è molto ricco in zuccheri e per chi ha problemi di gastrite.

Oltre a conoscere le sue caratteristiche organolettiche, impariamo anche come gustare il melone nel migliore dei modi. La consuetudine vuole che lo si mangi crudo come antipasto, il classico melone con prosciutto crudo oppure in macedonia o è anche ottimo come spuntino a metà mattina e a metà pomeriggio come merenda; ma il melone è ottimo anche cotto per fare delle marmellate, oppure può essere utilizzato per fare il gelato e il sorbetto o per preparare degli ottimi frullati. Molto scenografico e buono anche se usato per creare degli spiedini di frutta da servire durante l’aperitivo.

melone con prosciutto                    sorbetto                spiedini

Sapete riconoscere se un melone è maturo quando lo comprate? La leggenda vuole che si bussi leggermente sulla superficie e se il rumore che si è ottenuto e “sordo”, allora significa che il melone è maturo; ma ci si può anche semplicemente affidare al nostro olfatto, se il melone è profumato allora vuol dire che è giunto a maturazione. Si dice anche di osservare il picciolo, se tende a staccarsi ed è tenero allora anche in questo caso dovrebbe essere buono. Una volta acquistato il melone dovreste tenerlo in frigorifero nella parte meno fredda, perchè la sua temperatura non dovrebbe mai scendere sotto i 5 gradi centigradi. Se invece non vi sembra ancora maturo allora si può conservare  fuori dal frigo a temperatura ambiente.

Per qualche notizia in più sul melone si può visitare il sito http://www.benessere.com/dietetica/arg00/melone.htm

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!