Fegato: 5 alimenti che ne salvaguardano la salute

Steatosi epatica

Il fegato è un organo prezioso in quanto svolge diverse funzioni fondamentali per mantenerci in salute. E’ la ghiandola più voluminosa del corpo umano (pesa circa 1000-1500 grammi). Per far sì che possa sempre svolgere al meglio le sue complesse funzioni seguire una dieta sana è molto importante.

Le patologie epatiche infatti compromettono lo stato di salute dell’intero organismo. Solo per dirne una, il fegato immagazzina il glucosio negli epatociti in forma di glicogeno. Il glicogeno viene quindi rimesso in circolo quando abbiamo bisogno di energia. Di seguito 5 alimenti che possono aiutarci a tenere il fegato in perfetta salute.

Carciofo. La fama di questo ortaggio quale alimento benefico per il fegato è molto nota. In particolare stimola la secrezione della bile. L’azione epatoprotettrice svolta dal carciofo è merito della cinarina, una sostanza aromatica che si trova nelle sue foglie. Inoltre diminuisce anche il livello del colesterolo cattivo e dei trigliceridi. Lo si può mangiare per 4 o 5 volte alla settimana, sarebbe preferibile mangiarlo crudo condito con olio extra vergine di oliva.

Erba d’orzo che ha un effetto sia depurativo che immunostimolante. Inoltre è rinfrescante e ha un effetto leggermente lassativo. La si trova sotto forma di polvere da sciogliere in acqua.

Limone. Si tratta di un ottimo alimento che fornisce un cospicuo apporto di antiossidanti, ad esempio la vitamina C e gli antocianosidi che aiutano a depurare le cellule del tessuto epatico favorendone la rigenerazione.

Peperoncino. Secondo una ricerca condotta dagli studiosi del Liver Cell Biology Laboratory della Vrije Universiteit di Bruxelles migliora la risposta epatica nel caso di eventuali lesioni. In particolare la capsaicina, il principio attivo contenuto nei peperoncino, sarebbe in grado di diminuire la formazione di fibrosi epatiche.

Pesce, in particolare salmone e pesce azzurro costituiscono importanti fonti di omega 3 fondamentali per il benessere di questo organo. In questo senso risulta utile anche il consumo delle noci e della frutta secca con gusci quindi pistacchi, nocciole e mandorle. Questi alimenti forniscono anche un ottimo apporto di vitamine A, B2, B9, C, F e P.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!