Bancomat ‘regala’ soldi ai passanti, ecco dov’è successo (FOTO)

Bancomat ‘regala’ soldi ai passanti

Bancomat ‘regala’ soldi ai passanti. E’ il sBancoogno di tutti ed è quanto accaduto ad una coppia. (Continua dopo la foto)

La scena è avvenuta davanti ad una cassa a Ningbo, in Cina: i due hanno visto la cassa erogare per sbaglio l’equivalente di circa 400 euro, li hanno raccolti e se ne sono andati.

Londra allo stesso modo

Tutti a dire che Londra è cara e che soggiornarci equivale ad un salasso! La capitale ha trovato il modo di riabilitarsi da questi luoghi comuni. Qualche giorno fa, presso la metropolitana di Bond Street, un bancomat impazzito ha cominciato ad elargire banconote in tagli da 20 sterline (l’ equivalente di 22 euro) ai passanti, i quali, come testimonia un video divenuto virale, si sono dovuti limitare a contemplare quel ben di Dio senza osare accaparrarselo: due uomini della sicurezza sono prontamente intervenuti per ostacolare lo sciacallaggio.

A stravolgere l’ apparecchio mandandolo nel caos pare abbia contribuito un abbondante prelievo. L’ inconveniente non si è rivelato utile ad incrementare le tasche di nessuno, ma a strappare una risata c’ è senz’altro riuscito.

Accadde anche in Texas

Un “guasto” temporaneo ha reso felici un bel po’ di persone qualche giorno fa in Texas. E cioè quelle che hanno utilizzato uno sportello bancomat della Bank of America nei pressi di Houston. Uno sportello bancomat che sembrava essere “impazzito”: i clienti che lo hanno utilizzato si sono infatti ben presto resi conto che distribuiva somme maggiori rispetto a quelle richieste. In pratica, a causa di un errore, lo sportello dava banconote da 100 dollari al posto di quelle da dieci.

Come riportano i media statunitensi, la notizia di questo sportello bancomat che “regalava” soldi si è diffusa velocemente dopo che una persona ha scritto quanto gli era accaduto su Facebook. E così ben presto, come si vede anche nelle foto apparse sui social, si sono formate lunghe code davanti al bancomat e ci sarebbero state anche delle risse tra i clienti.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!