Barbara d’Urso, molestata da uno stalker: nel mirino anche un giornalista

Barbara d'Urso, molestata da uno stalker: nel mirino anche un giornalista
Barbara d'Urso, molestata da uno stalker: nel mirino anche un giornalista

Barbara d’Urso ha vissuto un vero e proprio incubo per via di un misterioso stalker che l’ha perseguitata per anni sui social. Per lungo tempo, quest’uomo l’ha molestata e minacciata.

Ha creato svariati profili fake al fine di tormentare la celebre conduttrice partenopea. Ora però, grazie alla polizia postale e ad un addetto ai lavori, la d’Urso potrà tornare a dormire sonni tranquilli. Quest’uomo ha procurato a Barbara episodi di paura ed ansia.

Fine di un incubo per Barbara d’Urso, ecco chi è il suo stalker

A molestare virtualmente la povera Barbara d’Urso è stato un 45enne originario di Caserta il cui nome e cognome corrispondono alle iniziali S.C. Ebbene, l’uomo ha creato alcuni profili finti sui social, attraverso il quale minacciava ‘Carmelita’ e prendeva in giro i suoi numerosi programmi.

Per lungo tempo, la polizia postale non è riuscita a risalire al vero autore. Per scovarlo è stato necessario attendere un suo passo falso. Ad un certo punto, infatti, un testimone lo ha riconosciuto attraverso una foto particolare.

Il molestatore aveva dei contatti con un giornalista, un noto collaboratore di siti di gossip

Una volta risaliti alla reale identità dell’uomo, la Procura ha proceduto con la perquisizione dell’abitazione dello stalker di Barbara d’Urso. Dopo un primo momento di negazione, S.C ha ceduto ed ha finalmente confessato tutto snocciolando ogni dettaglio. L’uomo, in seguito, si è mostrato sorpreso dell’accusa si stalking e si è difeso affermando che stava solamente scherzando e che non aveva intenzione di diffamare qualcuno.

Ma quello che maggiormente sorprende è che S.C era ed è in contatto con un famoso collaboratore di un sito romano di gossip. Ora si sta indagando sul rapporto che lega lo stalker casertano a questo giornalista di cui non è stato fatto ancora il nome. Ora non ci resta che attendere ulteriori sviluppi.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!