‘Ero entrata in coma etilico’: Aurora Ramazzotti, il dramma tra alcol e trasgressioni raccontato dalla figlia di Michelle Hunziker

Aurora Ramazzotti
Aurora Ramazzotti

Aurora Ramazzotti e il post in cui parla del suo passato tormentato

Qualche ora fa Aurora Ramazzotti ha aperto il suo cuore attraverso un post contenente un lungo messaggio. La figlia di Michelle Hunziker ha parlato del difficile periodo della sua adolescenza, quando era fatta di alcol e trasgressioni.

La ragazza ne ha viste passare molte a casa sua: dal divorzio de genitori alla setta in cui era caduta la madre. Ma non è finita qui visto che dopo aver ricevuto delle minacce con l’acido, la Ramazzotti junior è costretta a camminare sotto scorta.

La figlia di Michelle Hunziker e il dramma dell’alcol e la trasgressione

Oggi, però, col senno di poi, Aurora Ramazzotti ha voluto ricordare quei momenti in cui si era lasciata andare alle trasgressioni. Addirittura qualche hanno fa mi ero ridotta in coma etilico. Attraverso un lungo post sul suo account Instagram, la figlia di Michelle Hunziker ha voluto spiegare il perché era diventata una cattiva ragazza.

La giovane ha condiviso una serie di scatti che la ritraggono in compagnia della sua cara amica Sara Daniele, la figlia del compianto Pino. Aurora ha confessato che anni fa era molto insicura e trasgrediva perché la rendeva diversa da tutti gli altri. Mentre ora il suo pensiero è molto diverso, ovvero per lei trasgredire vuol dire comportarsi bene.

Aurora Ramazzotti e la grande amicizia con Sara Daniele

Nello scatto in questione si vede Aurora Ramazzotti e Sara Daniele in un campo di girasoli e sono sedute su due grosse balle di fieno. Dai loro occhi traspare la serenità e l’amore amichevole che provano l’una per l’altra.

Infatti le due ragazze in questi anni ne hanno fatte di tutti i colori e la testimonianza la sia ha nelle foto e video che entrambe hanno postato sui social network. Ecco il post in questione che in pochissimo tempo ha ricevuto migliaia di likes e numerosi commenti da parte dei follower:

View this post on Instagram

Si dice che gli amici si contino sulle dita di una mano. Il pessimista (professato realista) giurerebbe addirittura che l’unico amico che avrai mai sei tu e nessun altro. Io ho una visione diversa della cosa, l’ho sempre avuta. Da bambina ero insicura. Molto di quel che facevo era una ricerca di approvazione. Trasgredivo perché mi rendeva diversa, ora penso che la vera trasgressione sia comportarsi bene. “Bene” – concetto relativo, ma sono certa che a buon intenditor poche parole. Questo mio spirito ribelle era una maschera ben cucita, niente di nuovo, solo la classica “caccia alla personalità” a volte offuscata dal mio bisogno di inclusione. Mi circondavo di tanti amici, aprivo i battenti a molti e tutte le volte che sentivo le parole “ti facevo diversa, sai?” per me era come una piccola vittoria sui pregiudizi. Una pacca sulla spalla del mio ego in costruzione. Negli anni ho realizzato di non aver bisogno di approvazione perché nessuno mi vedrà mai come mi vedo io stessa. Una visione diversa di me esiste in chiunque mi conosca, dai miei genitori a ognuno dei miei amici, conoscenti e anche sconosciuti. Inutile quindi dare importanza all’idea che qualcuno ha di noi perché per quanto ci proviamo non sarà mai quello che speriamo. Questo forse è il bello del rapportarsi con gli altri: lasciare a ciascuno qualcosa di diverso, perché la diversità è ciò che ci rende speciali. L’amicizia quindi per me è leggerezza. Esserci l’uno per l’altra senza mai dimenticarci chi siamo. Senza mai pretendere di compiacere a tutti i costi, senza mai pretendere e basta. Crescere insieme, imparare cose nuove anche di noi stessi. L’amicizia è un valore aggiunto che decidi tu. Che siano tanti o pochi per me poco importa. E @saradanielee la conto sulle dita della mia mano, questo è per certo.❤️

A post shared by Aurora Ramazzotti (@therealauroragram) on

 

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!