La Musica Italiana piange per la morte di un famoso cantante, ecco di chi si tratta (FOTO)

La Musica Italiana piange per la morte di un famoso cantante

La Musica Italiana piange per la morte di un famoso cantante. L’incidente è avvenuto in piazza Ovidio. Dalle prime ricostruzioni, come riporta l’Ansa, sembra che il mezzo pesante, guidato da un uomo di 58 anni, non abbia rispettato una precedenza. L’impatto è stato fortissimo e l’artista è morto sul colpo. (Continua dopo la foto)

Nato nel 1970 a Palermo, Giuseppe Bellanca aveva cominciato gli studi al Conservatorio di Musica Vincenzo Bellini del capoluogo siciliano. Inizialmente aveva studiato violino e chitarra classica per poi avvicinarsi alla lirica fino a entrare a far parte del Coro del Teatro Massimo di Palermo. Nel 2004 aveva poi vinto il Concorso Internazionale per Artista del Coro alla Fondazione del Teatro Alla Scala di Milano, dove lavorava attualmente. Aveva partecipato come membro del coro alla gran parte delle produzioni della Scala e si era anche esibito come solista.

Un dramma in piazza Ovidio

Giuseppe Bellanca, tenore del coro del Teatro alla Scala di Milano, è morto nella notte tra giovedì 4 e venerdì 5 luglio in seguito a una tragedia stradale di cui è rimasto vittima. In sella al suo mezzo, una moto Honda Hornet, è stato investito da un camion. Aveva 48 anni ed era originario di Palermo.

Da quindici anni prendeva parte alla maggior parte delle produzioni del teatro milanese. Il dramma si è consumato in piazza Ovidio e dalle prime notizie trapelate sembra che il camionista alla guida dell’autoarticolato (58 anni) non abbia dato la precedenza a Giuseppe, travolgendolo fatalmente.

Una morte violenta

Secondo le prime ricostruzioni dell’accaduto, Giuseppe Bellanca stava cavalcando la sua Honda Hornet che avrebbe urtato il camion in piazza Ovidio. Lo scontro non ha lasciato scampo al tenore e pare che sia avvenuto per una mancata precedenza non rispettata dal camionista 58enne.

Il decesso sarebbe avvenuto al momento dell’impatto. Il mondo della musica si stringe intorno ai familiari e al loro dolore. Morire è sempre tragico, ma in questo modo ancor peggio. Un cordoglio anche da parte della nostra Redazione.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!