Rivoluzione per WhatsApp, ecco il nuovo aggiornamento che cambierà tutto (FOTO)

Rivoluzione per WhatsApp

Rivoluzione per WhatsApp. Nuove funzionalità per restare al passo con i tempi e l’applicazione più utilizzata al mondo. WhatsApp sta lavorando su tante novità che verranno rilasciate nei prossimi mesi (si spera entro la fine dell’estate) e che miglioreranno l’utilizzo dell’app.

Alcune di queste nuove funzioni già le conosciamo (la modalità scura è attesa al debutto da almeno un paio di mesi, ma alcuni bug ne hanno rallentato lo sviluppo), mentre altre sono ancora in fase di test. (Continua dopo la foto)

Con la procedura di MAC spoofing le discussioni su whatsapp non sono più al sicuro

Le novità WhatsApp più attese nei prossimi mesi sono cinque: la dark mode, la pubblicità all’interno degli Stati, il codice QR che identifica un utente, la possibilità di nascondere gli Stati e il doppio controllo prima di inviare un’immagine. Tutte queste funzionalità per il momento sono disponibili solamente nella versione beta di WhatsApp per Android e iOS. Se i test andranno a buon fine arriveranno anche nella versione ufficiale. Ecco come cambia WhatsApp con i nuovi aggiornamenti.

Two is meglio che one!

Come già accade su Instagram e su Facebook Messenger, anche su WhatsApp arriverà il codice QR univoco per ogni utenti. Quando una persona dovrà aggiungere il nostro numero su WhatsApp, basterà scansionare il codice QR senza dover salvare il contatto sulla rubrica dello smartphone.

Capita qualche volta di inviare un’immagine su WhatsApp alla persona sbagliata. Nella versione beta dell’applicazione è stato aggiunto un doppio controllo affinché non si verifichino più questi errori. Quando si è nella schermata di invio dell’immagine, in basso a sinistra a stata aggiunta una scritta molto piccola con il nome dell’utente con cui si sta per condividere la foto.

Pubblicità in arrivo negli ‘stati’

Purtroppo non è una fake news: su WhatsApp arriverà la pubblicità, ma solo all’interno degli Stati. La notizia è stata confermata dagli stessi sviluppatori che, però, hanno voluto rassicurare gli utenti: la pubblicità non sarà invasiva e sarà molto simile a quella presente nella Storie Instagram.