Sim Apple, che ne sarà delle classiche schede?

Una sim rivoluzionaria firmata Apple.

L’evoluzione tecnologica corre più veloce del maratoneta migliore al mondo e ora è arrivato il momento, anche per le sim, di fare un bel salto in avanti. Nel giro di poco tempo le nostre care e vecchie sim telefoniche verranno sostituite dall’attuale pensata firmata Apple. Sarà una sola sim a scavalcare tutte le altre, un nuovo accessorio che da poco è stato presentato, accompagnando il lancio dei nuovi iPad. Non ci si è soffermati molto sulla questione, ma è proprio questa la novità più grande. Partendo dai nuovi iPad, Apple si servirà di particolari sim, che saranno universali, quindi compatibili con tutti gli operatori telefonici, senza costringerci a cambiare scheda in continuazione. Basterà utilizzare una semplice applicazione per utilizzare tutte le nostre sim e potremo cambiare piano tariffario senza troppi sforzi.

La nuova sim Apple è una vera e propria scheda, nulla di diverso da ciò che già conosciamo, ma si contraddistingue perché non è vincolata da alcun operatore, saremo noi a scegliere la nostra tariffa, rispondendo a quelle che sono le nostre specifiche necessità.

Da un punto di vista tecnico la sim Apple ci dà la possibilità di cambiare piano tariffario in base a quelle che sono le nostre esigenze del momento, senza alcun tipo di vincolo o spese aggiuntive.

Sorge spontaneo chiedersi, a questo punto, se questa sim del futuro sarà estraibile; ebbene, la risposta è sì. Non c’è troppo da stupirsi, però, se non tutti gli operatori hanno deciso di dare il via libera a questa novità, ma visto il numero di affezionati Apple, che di certo non subisce crolli, è evidente che, nel giro di poco tempo, ci troveremo di fronte ad una svolta radicale.

Quale potrebbe essere, dunque, il risultato? L’evidente condanna a morte di un sistema che, ormai da molto tempo, ci è del tutto familiare. Siamo pronti a questa svolta radicale?

Per il momento possiamo limitarci a rifletterci su perché la nuova sim Apple è ancora disponibile solo nel Regno Unito e negli Stati Uniti.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!