Uomini e Donne, Barbara De Santi bloccata su Instagram: svelato il vero motivo

Barbara De Santi

Barbara De Santi e la vicenda della foto scomparsa su Instagram 

Qualche giorno fa Barbara De Santi ha pubblicato una foto abbastanza piccante di lei seminuda sul suo profilo Instagram. Immagine ormai nota agli utenti web visto che l’anno scorso l’aveva riproposta. Dopo qualche ora, però, lo scatto in questione è sparito nel nulla.

Per quale motivo? Tutti i follower della dama del Trono over di Uomini e Donne le hanno chiesto per quale motivo non c’è più traccia di quella foto. A rivelare il tutto ci ha pensato la diretta interessata attraverso il social. Ricordiamo che tutto erano nato da un commento poco carino fatto dall’influencer e modella Deianira Marzano nei confronti della De Santi. Ma andiamo a vedere nello specifico cosa ha detto quest’ultima.

Uomini e Donne: la dama del Trono over spiega tutto 

Il mistero si infittisce sull’improvvisa scomparsa della foto dove ritraeva Barbara De Santi messa in ginocchio e con addosso solo le mutandine. Uno scatto per niente volgare, ma artistico dove pubblicizzava un orologio. In realtà il motivo di questo blocco è molto semplice e accade quando non viene rispettata una regola imposta da Instagram. La dama del parterre senior di U&D ha detto questo:

“Sto leggendo molti di questi titoli, ma in realtà non sapete…. Se dovessi violare ancora le nostre linee guida, il tuo account potrebbe subire limitazioni o essere disattivato”.

La donna, inoltre, ha allegato lo screen dove mostra l’avviso da parte del social network.

Instagram e il blocco per nudità 

Quindi ad oggi Barbara De Santi può tirare un sospiro di sollievo perché Instagram non le ha chiuso definitivamente il profilo, ma la dama del trono over di Uomini e Donne ora deve stare attenta.

C’è da dire che lo scatto incriminato non aveva nulla di volgare, quindi il blocco è stato scaturito in automatico sicuramente per le tantissime segnalazioni ricevute. Non è la prima volta che capita qualcosa del genere.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!