‘Il mio fidanzato non vuole…’: Marco Carta, la verità del suo rapporto con Sirio (Foto)

Marco Carta e l’accusa di aver rubato alla Rinascente 

Due mesi fa Marco Carta è stato arrestato dalla Polizia Locale di Milano con l’accusa di aver rubato con una’amica delle magliette alla Rinascente.

Dopo essere stato liberato, in attesa del processo che si svolgerà a settembre, il cantante nato ad Amici è tornato a parlare del suo compagno di vita Sirio. Con quest’ultimo convivono ormai da circa quattro anni e per amore, l’artista ha lasciato la Capitale per trasferirsi nel capoluogo lombardo.

La richiesta del fidanzato Sirio 

Dopo la terribile accusa di furto, Sirio è stata la persona cui è stata accanto a Marco Carta. Grazie al suo amore il cantante sardo è riuscito a ritrovare il sorriso e la voglia di combattere questa battaglia. Il compagno, però, ha chiesto al 34enne di farlo rimanere nell’ombra perché non vuole essere coinvolto dal punto di vista mediatico.

“Lui non vuole che dica né il suo nome né il suo lavoro. È l’opposto di me: è molto riservato e si chiede come faccio a stare sempre al centro dell’attenzione”,

ha detto Carta nel corso di una recente intervista la magazine di gossip DiPiù. Il giovane, inoltre, ha riferito che hanno due caratteri opposti: lui è un ritardatario cronico, mentre la sua dolce metà molto puntuale e precisino. (Continua dopo la foto)

Marco Carta e il fidanzato Sirio

Marco Carta in attesa del processo a settembre 2019 

Dopo le vacanze estive Marco Carta dovrà affrontare la prima udienza del processo per la vicenda delle magliette firmate che sono state sottratte in una nota catena di Milano. Il cantante sardo sia sui social che in televisione si è sempre professato innocente, convinto che i filmati registrati dalle telecamere di sorveglianza gli daranno ragione.

Dopo la breve vacanza a Mycons con Sirio, il ragazzo si sta godendo il successo del suo nuovo singolo ‘Bagagli Leggeri’. Infine Marco ha rivelato che il suo compagno è molto critico, ma è la prima persona con cui si confronta.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!