Massimo Giletti ecco perchè è rimasto a La 7

Massimo Giletti
Massimo Giletti

Notizie false subito smentite dal conduttore del talk show più chiacchierato

Massimo Giletti ha raccontato la sua verità, qualche mese fa qualcuno aveva pensato e annunciato un suo ritorno in Rai. Secondo quanto si diceva in giro l’intenzione del conduttore doveva essere riportare Non è l’Arena su Rai 1 la domenica, proprio come all’inizio.

Durante questi giorni però Massimo Giletti ha voluto mettere le cose in chiaro visto che non c’è alcun trasferimento in atto perché ha deciso di rimanere a La 7. Di conseguenza il tanto chiacchierato discusso e criticato programma rimarrà su quel canale con lo stesso conduttore di sempre.

Qualcuno aveva pensato al suo ritorno in Rai a causa della chiusura dell’ultima puntata del programma durante la quale il conduttore aveva fatto intendere si trattasse di un addio e non più di un arrivederci alla stagione successiva. Qualche parola troppo ha fatto pensare male e ha fatto intuire il peggio, ma Massimo Giletti a quanto pare non ci sta ed è voluto scendere nello specifico abbastanza in fretta.

Massimo Giletti, tutta la verità sulla Rai e su La 7

Ecco perché il conduttore ha deciso di rimanere dove si trova. Ha raccontato di essersi trovato benissimo su La7, di aver stretto parecchio con il presidente Urbano Cairo dato che tra loro due si è creata una sorta di sintonia. Si capiscono con un solo sguardo, quindi perché abbandonare il luogo dove ci si trova bene per ritornare dove ci sono stati problemi?

La sintonia e gli accordi prevalgono su tutto anche perchè permettono di lavorare bebe, ma soprattutto per Massimo Giletti vale l’amicizia e tra loro si è creato uno splendido rapporto. Il conduttore ha poi raccontato della sua esperienza in Rai che è stata piuttosto lunga, 29 anni di collaborazione con l’azienda di comunicazione. Quando ha dovuto lasciare è stato parecchio male.

Ma ha dovuto farlo, perchè? Perchè ad un certo punto ha ricevuto un ultimatum che sapeva più che altro di minaccia, gli era stato imposto di rispettare determinati canoni altrimenti se ne sarebbe dovuto andare. Niente autonomia, soltanto rispetto delle regole e e poca libertà di parola.

Tutto quello che a Massimo Giletti non piace soprattutto per un talk come il suo che necessita di personalità, carattere e di libertà di pensiero ed espressione. Su La7 ha la possibilità di lavorare senza vincoli, ha tutta la libertà che vuole, è libero nelle inchieste, anche quelle non gradite e per questo ha deciso di rimanere dove si trova.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!