‘Li avete fatti fuori voi…’: Reazione a Catena, la clamorosa accusa sulla sconfitta de I Tre Forcellini (Foto)

Reazione a Catena

A Reazione a Catena I Tre Forcellini sono stati sconfitti da I Giù per Su

Qualche giorno fa Reazione a Catena ha dovuto dire addio ai campioni detentori di diversi record, I Tre Forcellini. I giovani di Padova, infatti, sono stati sconfitti da I Giù per Su. Tuttavia sul web, precisamente sul profilo Instagram del conduttore Marco Liorni è nata una piccola polemica.

Nello specifico è stato accusato il padrone di casa e gli autori di averli fatti perdere. Ma andiamo a vedere nello specifico cosa è accaduto. (Continua dopo il post)

Marco Liorni e gli autori del game show criticati sul web: ecco il motivo 

La sera che I Tre Forcellini hanno lasciato Reazione a Catena, Marco Liorni ha postato uno scatto che li ritrae insieme ai matematici di Padova. Ricordiamo che quest’ultimi sono rimasti nel game show del preserale di Rai Uno per 25 puntate e si sono portati a casa un montepremi pari a 300 mila euro.

Fra i vari commenti sotto lo scatto in questione, un utente in particolare ha fatto delle vere e proprie accuse. Secondo lei è palese che gli autori del programma volevano fuori i campioni facendogli delle domande molto difficili rispetto i primi giorni di permanenza nel quiz.

Ovviamente si tratta solo di supposizioni da parte di un internauta e non ce’è nulla di concreto. In attesa di avere qualche riscontro, vi ricordiamo che i nuovi campioni sono I Giù per Su. (Continua dopo la foto)

Critica su Reazione a Catena

Reazione a Catena continua a battere Caduta Libera 

Nel frattempo continua il grande successo di pubblico di Reazione a Catena. Infatti, il game show del preserale di Rai Uno ogni giorno batte la concorrenza, ossia Caduta Libera Splash capitanato dal pavese Gerry Scotti Nello specifico il gioco con Marco Liorni nella parte finale arriva anche a 3,5 milioni di telespettatori superando anche il 23% di share. Mentre il quiz Mediaset non arriva nemmeno a 25, milioni di spettatori.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!