Michael Scumacher, la rivelazione shock del presidente della FIA Jean Todt: ‘Non siamo più amici…’

Michael Schumacher continua a combattere

Sono trascorsi quasi cinque anni e mezzo dal terribile incidente che ha stravolto la vita di Michael Schumacher, ma anche quella dei suoi familiari.

L’ex pilota della Formula 1 ha sbattuto violentemente la testa mentre stava sciando e da allora non si è più risvegliato. Purtroppo in questi anni sono poche le notizie che riguardano il campione della Ferrari, infatti la famiglia ha deciso di mantenere il massimo riserbo.

L’amicizia tra Schumacher e il presidente della FIA Jean Todt dura da anni 

Michael Schumacher che vive nella propria abitazione a Kaiser, in Svizzera, può ricevere le visite di poche persone. A parte la famiglia, solo amici stretti e ovviamente i sanitari che si occupano di lui. In quella casa continua la riabilitazione per farlo tornare in forma, anche se difficilmente rivedremo il campione della Formula 1 di un tempo.

Tra le persona che gli vanno a fare visita c’è anche Jean Todt che con lui ha condiviso tante gioie e qualche dolore quando erano insieme nella scuderia italiana della Ferrari. L’attuale presidente della FIA ha rilasciato recentemente un’intervista parlando di Michael. Andiamo a vedere nel dettaglio cosa ha dichiarato.

Jean Todt e le clamorose parole sull’ex pilota della Ferrari

Jaean Todt e Michael Schumacher si conoscono ormai da tantissimi anni. Il dirigente della FIA è uno dei pochi che hanno la fortuna di poter vedere di persona l’ex sportivo tedesco. Intervistato da un giornale, Todt ha confessato che l’ex pilota della Ferrari viene accudito con amore da parte della sua famiglia. Michael continua a combattere come un leone e i parenti non hanno nessuna intenzione di arrendersi.

“Per quanto riguarda invece la nostra amicizia, ovviamente non può essere la stessa di una volta. Questo semplicemente perché non c’è più la stessa comunicazione di prima”,

ha confessato l’uomo. Ovviamente i tantissimi fan di Schumacher sperano vivamente che un giorno quest’ultimo si risvegli e torni a farsi vedere in pubblico. Un sogno che vorrebbero tutti.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!