Reazione a Catena, Marco Liorni svela un segreto: ecco cosa accade in studio durante la pubblicità (Video)

Marco Liorni

Reazione a Catena: ecco cosa accade in studio durante le pause 

La nuova stagione di Reazione a Catena affidata a Marco Liorni sta riscuotendo un grandissimo successo di pubblico. Infatti da giugno ad oggi il game show del preserale di Rai Uno batte nettamente la concorrenza, ossia Caduta Libera guidata da Gerry Scotti. Qualche giorno fa il padrone di casa ha postato un video molto particolare sul suo profilo Instagram, attirando l’attenzione dei follower.

Il motivo? Nello specifico il conduttore di Italia Sì ha svelato cosa accade nello studio durante le pause delle registrazioni. In pratica il pubblico presente inizia a ballare e divertirsi perché dalla regia viene diffusa della musica. (Continua dopo il video)

Per Marco Liorni Reazione a Catena è un programma rivolto ai giovani 

Ogni sera a Reazione a Catena sono tanti, in particolare, i giovani gruppi, che cercano in tutti i modi di portarsi a casa il montepremi conquistato vincendo il gioco finale de L’ultima catena.

“Reazione a catena è serenità e gioia. È bello che ci siano tanti ragazzi giovani, perché sono quelli che in genere non si raccontano. E sono quelli che si impegnano, si costruiscono, che hanno studiato e ci tengono”,

ha dichiarato Marco Liorni in una recenti intervista. Inoltre il padrone di casa ha detto che nel game show di Rai Uno non ci sono bamboccioni. Per Liorni è bello che i ragazzi attraverso un gioco escano fuori. C’è da dire pure che dal prossimo settembre Marco ripartirà con la seconda stagione di Italia Sì. Per il diretto interessato è una nuova scommessa.

“L’anima di un programma che è quella di cercare leggerezza”,

ha detto l’uomo che ha annunciato delle novità, ma ci saranno anche delle conferme.

“Costruiamo questo Paese nuovo abbiamo bisogno di gente nuova che vuole fare. Oggi la burocrazia ci uccide ma dobbiamo gettare il cuore oltre l’ostacolo”,

ha concluso Liorni ad un noto settimanale.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!