Caterina Balivo, commenti al veleno: “Fai rabbia e pena”

Caterina Balivo

Caterina Balivo vessata sui social: ostenterebbe la ricchezza senza essersela meritata

Sotto il sole di Capri, la bella e brava Caterina Balivo è in piena vacanza, provvidenziale dopo l’intensa stagione a Vieni da Me, confermato nella prossima stagione televisiva. E così la conduttrice partenopea ha voluto condividere un momento delle ferie, postando ai follower un elegante scatto che la ritrae con un cappello di paglia, un sorriso rilassato, gambe incrociate, i piedini “più belli d’Italia”.

Lo smalto rosso ha scatenato le fantasie più stravaganti, in libero sfogo sotto il post. C’è chi esprime il desiderio di leccare i  deliziosi piedi da bravo cagnolino alla “meravigliosa dea”. Un altro utente festeggia il fatto di poter rivedere i piedini più sexy d’Italia: per un attimo ha sognato di essere il passamano dove li appoggia. A loro hanno dato dei “pervertiti” coloro che vedono in Caterina Balivo un’icona glamour. Comunque, sempre meglio degli haters, evidentemente mai sazi di sputare veleno addosso ai personaggi famosi. (continua dopo il post)

Accuse di raccomandazione

Questi hanno colto l’occasione al volo per fare un altro tipo di commento, sicuramente meno perverso, ma non per questo meno sgradevole. Le imputano di essere volgare a mostrare il lusso che si può permettere con quanto ha guadagnato senza fare nulla. Caterina Balivo non è nuova a tali attacchi, gli haters la definiscono raccomandata, priva di qualità, così come sarebbe privo di qualità il suo pubblico.

Di un livello talmente basso che farebbe pena e rabbia. E altri ancora la vorrebbero affamata 24 ore su 24 di pubblicità, con poche cartucce da sparare rispetto alle autentiche ‘bonazze’ e i capezzoli li avrebbe pubblicati di proposito in bella vista. Ma la Balivo evita saggiamente di rispondere, sarebbe solo controproducente rispondere a tali deliri.

Caterina Balivo: i primi mesi a Vieni da Me

In un precedente intervento Caterina Balivo aveva raccontato le difficoltà incontrate durante la realizzazione di Vieni da Me, soprattutto nei primi tempi. Il format è nato da zero e richiedeva del tempo per carburare, come poi fatto. Attraverso un post pubblicato sempre sul social fotografico aveva accolto con favore l’arrivo del caldo. E aggiunto che, affinché il programma decollasse, è tornata mesi e mesi a casa tardi, tardissimo.

Per la prima volta dalla Rai le è stato affidato un progetto ex-novo e ha così potuto toccare con mano cosa ciò implichi: è tutta un’altra questione rispetto a quando si riceve un programma già fatto e finito. Ai critici suggeriva, infine, di divertirsi di più, pure salendo su uno scivolo per bambini: la vita è troppo breve per passarla sindacando gli altri.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!