Luciano De Crescenzo: come mai la cappella per le ceneri non è ancora pronta?

Luciano De Crescenzo: come mai la cappella per le ceneri non è ancora pronta?
Luciano De Crescenzo: come mai la cappella per le ceneri non è ancora pronta?

Le ceneri di Luciano De Crescenzo (90 al momento della morte), celebre scrittore partenopeo morto lo scorso 18 luglio, non sono state ancora depositate presso la cappella sita a Furore. A riportare la notizia è stata la testata online Il Vescovado che ha spiegato come l’edificio acquistato dalla famiglia del letterato non sia stato ancora completato al suo interno. Il “disguido” non è legato a ritardi reali nei lavori, bensì ad una scelta, come ha spiegato l’ex sindaco Raffaele Ferraioli, che ha parlato di una “questione di scaramanzia”. Un rito adoperato, in poche parole, per esorcizzare lo spirito della morte.

Luciano De Crescenzo: la cappella delle ceneri ancora in lavorazione

Intervistato dal Vescovado, Raffaele Ferraioli ha spiegato come dopo l’acquisto del loculo da parte dei familiari di Luciano De Crescenzo, la struttura funeraria non è mai stata osservata al suo interno, almeno fino ad ora. Si attendono i lavori di rifinitura da parte degli addetti. Come leggiamo da Salerno Today, le ceneri dell’ingegnere-filosofo sono conservate attualmente da sua figlia. Una volta terminato, il tempietto in cui riposerà Luciano sarà sicuramente luogo di culto e pellegrinaggio da parte di tutti gli ammiratori del grande artista di Napoli che ci ha fatto ridere, riflettere e incantare tramite le sue opere letterarie.

Il ricordo di Lory Del Santo

Intervistata dall’inviata di Grand Hotel Laura Costantini, Lory Del Santo ha voluto ricordare Luciano De Crescenzo tramite le seguenti parole:

“Conobbi Luciano De Crescenzo nel 1981, quando avevo 23 anni. Mi aspettò fuori dalla toilette di un ristorante e mi chiese il suo numero di telefono”

Ha poi continuato:

“Mi disse con molto garbo: “Signorina lei è speciale. Stiamo in contatto, può accadere qualcosa…””

Ed infatti, tre giorni dopo, Luciano De Crescenzo invitò Lory Del Santo a casa sua e le propose di fare la valletta per il programma “Tagli, ritagli e frattaglie” condotto da Renzo Arbore e dallo stesso De Crescenzo. Quel programma lanciò Lory nel mondo dello spettacolo e proprio per questo motivo la showgirl ha detto di dovere tutto a Luciano.

Un autore e seduttore di successo

Nel corso della sua vita Luciano De Crescenzo ha venduto 18 milioni di copie dei romanzi da lui scritti. Ma grazie al suo fascino ed alla sua capacità di far ridere, lo scrittore napoletano aveva conquistato anche numerose donne. Non per niente, l’ingegnere-filosofo era anche noto per essere un grande seduttore. Luciano spesso amava dire in maniera ironica:

“Le donne sono la mia delizia, ma anche la mia croce”

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!