‘Rosa e Olindo non sono i colpevoli della strage di Erba’: le dichiarazioni di Azouz Marzouk a poche ore dallo speciale de Le Iene

Strage di Erba

Appuntamento speciale de Le Iene 

Questa sera alle 21:15 su Italia Uno va in onda una puntata speciale de Le Iene dedicata ad uno dei casi di cronaca più misteriosi del nostro Paese. Stiamo parlando della strage di Erba che ha visto coinvolti Olindo Romano e la moglie Rosa Bazzi. I due sono in carcere da diversi anni, anche se secondo Azouz Marzouk è convinto che non sia stata la coppia ad assassinare tutta la sua famiglia.

Speciale de Le Iene sulla strage di Erba

Secondo Azouz Marzouk la strage di Erba è stata provocata con un movente ben preciso. Inoltre l’uomo è convinto sull’innocenza di Olindo Romano e Rosa Bazzi. Quest’ultimi, infatti, sono stati condannati all’ergastolo per l’assassinio della moglie Raffaella Castagna, il figlio Yousse, la suocera Paola Galli e la loro vicina di casa Valeria Cherubini.

Stando alle parole di Azuz, la coppia che da anni si trova in carcere non avrebbe mai potuto commettere un pluri omicidio di quella portata. L’uomo ha mantenuto il silenzio per ben dieci anni, infatti le autorità del nostro Paese lo hanno allontanato perché considerato pericoloso. Le sue rivelazioni saranno mandate in onda nello speciale de Le Iene che verrà trasmesso su Italia 1 oggi, 5 agosto 2019 in prime time.

Le dichiarazioni di Azouz Marzouk

‘Rosa e Olindo: due innocenti all’ergastolo?’ è questo il titolo della trasmissione odierna. Gli inviati de Le Iene hanno analizzato non soltanto il punto di vista di Rosa e Olindo accusati di essere colpevoli della strage di Erba, ma anche di una delle vittime indirette del pluri omicidio. Azuz, infatti, quella notte ha perso l’intera famiglia, quindi secondo Giuseppe e Paolo Castagna, avrebbe dovuto partecipare al loro dolore e non alimentare una pista che gli stessi i due presunti colpevoli hanno mostrato negli ultimi mesi.

“Sono sconcertati dalle ripetute dichiarazioni del signor Azouz Marzouk”,

ha detto il legale Massimo Campa agli organi di stampa. Secondo i figli di Paola Galli, il tunisino Marzouk non starebbe rispettando per niente il loro dolore. Inoltre per loro starebbe mettendo a repentaglio la reputazione della loro famiglia.

L’uomo, invece, in tutti questi anni non si è mai arreso di fronte alla verità della Giustizia, chiedendo ripetutamente una revisione del processo.