‘Sei un cane…’: Pierluigi Diaco umilia Valeria Gracia prima di Non Disturbare. La comica si vendica in questo modo (Foto)

Io e Te

Pierluigi Diaco la combina grossa contro Valeria Graci

Lunedì 5 agosto è iniziata una nuova settimana di programmazione di Io e Te, il programma estivo di Rai Uno che ha sostituito temporaneamente Vieni da me di Caterina Balivo. Come sempre, al timone del talk c’è Pierluigi Diaco con la partecipazione di Valeria Graci e Sandra Milo. Ricordiamo che da settembre il programma si sposterà nella seconda serata sempre sulla rete ammiraglia della tv di Stato. Ma qualche ora fa il padrone di casa ha detto qualcosa che non è piaciuto assolutamente al pubblico e nemmeno alla diretta interessata. Nello specifico l’ex naufrago dell’Isola dei Famosi ha paragonato la comica di Zelig ad un cane.

“Certo che tu e Pepe separati alla nascita”,

ha esclamato il giornalista. Ma la reazione della Graci non si è fatta attendere. (Continua dopo la foto)

Valeria Graci e Pierluigi Diaco

Io e Te: il battibecco tra Pierluigi Diaco e Valeria Graci

Non è una bella cosa che un uomo paragoni una donna ad un cane, specialmente se si fa in televisione davanti a milioni di telespettatori. Il fattaccio è accaduto a Io e Te, qualche minuto prima dell’intervista a Guillermo Mariotto, storico giudice di Ballando con le Stelle. Il conduttore del format pomeridiano di Rai Uno ha paragonato la collega di lavoro ad un amico a quattro zampe. A quel punto la comica ha reagito in questa maniera:

“Grazie Pigi, vorrei dirti che sei uguale alla signora Cettina, ma non lo farò”.

A quel punto Diaco è diventato rosso per la vergogna chiudendo il siparietto così:

“Ma sarebbe un onore”.

Valeria Graci vorrebbe dei cuochi nello studio di Io e Te

Nel frattempo continua la consuetudine di dare dei regali al pubblico di Io e Te. Infatti nello studio sono presenti sempre due ricamatrici che in diretta realizzano dei capolavori all’uncinetto. Lunedì Valeria Graci ha ironizzato sulla cosa facendo la seguente battuta:

“Ma qualcuno che cucina no, eh?!?”.

I vertici di Viale Mazzini accoglieranno il suo desiderio?