‘Ylenia Carrisi è in un programma di protezione’: la figlia di Al Bano è viva. La confessione choc

Ylenia Carrisi è in un programma di protezione: la figlia di Al Bano è viva. La confessione choc
'Ylenia Carrisi è in un programma di protezione': la figlia di Al Bano è viva. La confessione choc

Ylenia Carrisi sarebbe in un programma di protezione. nuove rivelazioni sulla figlia di Al Bano e Romina

La scomparsa di Ylenia Carrisi a distanza di 24 anni continua ad essere un grande mistero. La figlia di Al Bano e Romina ha fatto perdere le proprie tracce nel lontano 194 e a quanto pare ad oggi sarebbero arrivate delle nuove indiscrezioni. A parlare questa volta è il detective Frank Crescentini affermando che la Ylenia sarebbe ancora viva e sotto un programma di protezione.

Ylenia Carrisi è viva?

Sulla scomparsa di Ylenia l’investigatore Franck pare avere le idee ben chiare su quanto sia successo. Queste indiscrezione risalgono al 2018 ma solo oggi sono state pubblicate. Crescentini, per anni ha ricevuto non solo dai familiari ma anche e dai fan curiosi e ossessionati dalla sorte della ragazza, mail in cui si chiedevano aggiornamenti sul caso.

Secondo l’uomo, la figlia di Al Bano e Romina ha insistito tanto nel restare a New Orleans, città multiculturale per completare il suo libro. Inoltre, sempre l’investigatore su Ylenia ha letto di tutto dal possibile uso di droghe alla relazione con l’amico Masakela. Ad oggi però nessuna di queste ipotesi è risultata veritiera e di conseguenza tali notizie restano solo supposizioni. Ma cosa è accaduto realmente alla figlia di Al Bano e Romina? (Continua dopo la foto)

'Ylenia Carrisi è in un programma di protezione': la figlia di Al Bano è viva. La confessione choc
‘Ylenia Carrisi è in un programma di protezione’: la figlia di Al Bano è viva. La confessione choc

Cosa è successo alla figlia di Albano?

L’investigatore Franck Crescentini è sicuro che Ylenia Carrisi sia in un programma di protezione per testimoni. Il 6 gennaio del 1994, una giovane donna è saltata nel fiume Mississippi vicino all’Aquarium of the Americas.

Poco prima, aveva detto a una guardia di sicurezza, Albert Cordova “Io appartengo all’acqua”. La donna nuotò attraverso le forti correnti d’acqua scura per circa 100 metri e non sembrava affatto volesse suicidarsi. Poi all’improvviso una forte ondata la portò via e sempre Albert sentì le sue grida di aiuto. La guardia costiera ha ispezionato le rive del fiume per circa 90 miglia trovando però i resti di un uomo.

Albert Cordova vedendo alcune foto della figlia di Al Bano ha sempre sostenuto che quella ragazza fosse realmente Ylenia. Diversamente è la versione dell’investigatore Crescentini dove è convinto che la giovane Carrisi sia stata costretta a  cambiare identità e vivere una nuova vita sotto protezione.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!