Scompare Pamela Prati, addio alla showgirl sarda per colpa di Mark Caltagirone

Pamela Prati
Pamela Prati e Mark Caltagirone

Paola Pireddu, da ora in poi si farà chiamare così Pamela Prati

Pamela Prati ha rotto il silenzio che durava da quando è stata intervistata a Verissimo. Questa volta la soubrette sarda ha scelto la rivista Oggi per fare delle nuove dichiarazioni dolo lo scandalo dovuto a Mark Caltagirone.

L’ex prima donna del Bagaglino ha riferito che sta attraversando una nuova fase della sua vita dopo il periodo nero dei mesi scorsi. La 62enne, addirittura, ha deciso di ritornare alle origini dicendo addio al suo nome d’arte e riprendendosi il suo di battesimo: Paola Pireddu. Ma non è finita qui.

Quest’ultima, infatti, ha riferito che sta lavorando ad un film che racconterà la sua vita abbastanza intensa, ma anche piena di sofferenze e dolori. Il progetto in questione, con molta probabilità, potrebbe essere acquistato da Netflix oppure Sky.

Pamela Prati non esiste più: il ritorno alle origini 

“Oggi sono Paola Pireddu. Sono caduta e ho provato a rialzarmi. Non è stato semplice e tuttora non lo è, ma quella Pamela non esiste più , e son dovuta tornare a essere Paola per trovare la forza e rimettermi in piedi. Paola è un nome semplice, dolce, forte. Ma è soprattutto il nome di una donna libera”,

ha affermato la Prati nel corso di una lunga intervista per il magazine diretto da Umberto Brindani. Poi la donna ha spiazzato dicendo che in fin dei conti la storia legata a Mark Caltagirone non l’ha danneggiata più tantissimo.

“La gente mi comprende. Bisogna distinguere la tv, i social che sono irreali, dalla vita vera. E la mia vita è fatta di persone che mi fermano per strada e mi abbracciano. Che mi hanno compresa e fatto sentire amata”,

ha ribadito l’ex prima donna del Bagaglino.

La Prati e il film sulla sua vita

Intervistata da Oggi, Paola ha rivelato di aver sofferto moltissimo per la perdita della sorella. Inoltre ha confessato che sta lavorando ad un progetto cinematografico sulla sua vita:

“Sto girando l’Italia alla ricerca delle location giuste per il mio film: la mia storia attrae sia Sky sia Netflix“.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!