Dalle Iene alla lotta al tumore, chi era Nadia Toffa: la dolcezza del suo sorriso e la grinta di una guerriera

Nadia Toffa si è spenta. E con lei il suo ultimo sorriso. Il cancro ha vinto su di lei, sul suo corpo, ma non sulla sua anima da combattente e guerriera quale era. La Iena Nadia Toffa è andata via a 40 anni con tutti i suoi sorrisi e la grinta che sfoderava finché ne ha avuto le forze. Iena sì, spavalda e cinica, ma allo stesso tempo un essere delicato e dall’animo fragile e gentile sotto una corazza dura e impermeabile.

Nadia Toffa: ironia ed energia concentrate in un sorriso

Una grande dose di ironia  e tanta energia, voglia di fare e amore per la vita, emergevano dal suo profilo Instagram nonostante la malattia e le sofferenze. Era nata il 10 giugno del 1979 a Brescia. Dopo aver frequentato il liceo classico “Arnaldo” della sua città, si era iscritta all’Università di Firenze dove aveva intrapreso un percorso storico-artistico e si era laureata in Lettere.

A 23 anni compare in televisione per la prima volta sulle frequenze di Telesanterno. Per 4 anni  lavora a Retebrescia, fino a quando decide di provare a entrare a far parte del cast di inviati de “Le Iene”, programma di successo di Italia 1.

Nadia Toffa arriva a Le Iene

I primi incontri con Davide Parenti, il curatore della trasmissione, non promettono nulla di buono, ma alla fine Nadia Toffa con la sua grinta ed energia raggiunge il proprio obiettivo e nel 2009 diventa una “Iena”. Nel corso della sua carriera nello show di Italia 1, produce numerose inchieste clamorose, fra cui quelle sulle presunte truffe ai danni del Sistema Sanitario Nazionale da alcune farmacie.

Per questi servizi viene denunciata per diffamazione. Si occupa anche della proliferazione delle sale slot machine, della cosiddetta terra dei veleni a Crotone e dell’aumento del numero di tumori tra Napoli a Caserta, per colpa dello smaltimento illegale dei rifiuti da parte della camorra.

Nadia Toffa scrive un libro

Il 2 aprile del 2014 dà alle stampe il suo primo libro, intitolato “Quando il gioco si fa duro”, dedicato al fenomeno dell’azzardopatia. Nell’aprile dell’anno successivo si vede assegnato il primo premio per la sezione tv del Premio Internazionale Ischia di Giornalismo.

Nel 2015 arriva la conduzione televisiva per Nadia Toffa

Nell’autunno del 2015 Nadia Toffa esordisce come conduttrice su Italia 1 alla guida del talk show “Open Space”, trasmesso per quattro puntate. A partire dal 2016 sarà presentatrice de “Le Iene” al fianco di Geppi Cucciari e Pif (prima) e di Andrea Agresti, Giulio Golia, Paolo Calabresi e Matteo Viviani (dopo). L’amicizia con Joe Bastianich, viene scambiata nel 2017 per una relazione intima: poi il gossip viene smentito.

Nadia Toffa e il malore, poi la dura diagnosi

Il 21 novembre del 2017 propone un servizio dedicato alla presunta pericolosità di un esperimento nucleare effettuato nel laboratorio del Gran Sasso: le accuse riportate, tuttavia, vengono smentite dal mondo accademico. Pochi giorni dopo Nadia è vittima di un malore di natura neurologica che la colpisce mentre si trova in un albergo a Trieste. Viene soccorsa e trasferita in ospedale, per poi venire trasportata al San Raffaele a Milano. Uscita dal coma, si avvia a una lenta guarigione. In questa occasione gran parte del mondo dello spettacolo si è mosso esprimendo grande solidarietà e vicinanza alla presentatrice bresciana.

Nadia sta meglio e torna in tv dopo un anno

Si riprende e torna  a condurre le Iene ma la battaglia è lunga e faticosa e lei continua a combattere  contro il cancro “non si può certo parlare di guarigione, ma io sorrido sempre alla vita”, scrive e nei social, e sorride, sempre e comunque con tutte le sue forze cercando di portare anche messaggi positivi fra i malati di cancro, ma la sua lotta purtroppo termina in un ‘caldo’ giorno d’estate, nelle prime ore del 13 agosto 2019, e fa calare un velo di ‘freddo’ e tristezza tutto intorno.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!