Fabrizio Frizzi, i messaggi inediti che ha inviato a Nadia Toffa prima di morire

Frizzi e Toffa

Nadia Toffa e il ricordo su Fabrizio Frizzi

Fabrizio Frizzi e Nadia Toffa hanno sofferto entrambi dello stesso male: tumore cerebrale. Ora che anche la giornalista bresciana è venuta a mancare affiorano i ricordi dei due artisti. Infatti un paio di anni fa, precisamente a dicembre del 2017, il conduttore romano ha inviato dei messaggi di supporto all’inviata de Le Iene Show.

“Forza Nadia!”,

scriveva il marito di Carlotta Mantovan alla 40enne scomparsa nella mattinata di martedì 12 agosto 2019. I due non si sono mai distaccati.

“Non l’ho mai voluto cancellare”,

aveva dichiarato la giornalista in un’intervista per ricordare il compianto Fabrizio ad un anno dalla sua prematura scomparsa. Ricordiamo, infatti, che il presentatore de L’Eredità è deceduto a causa di un’emorragia cerebrale. La iena aveva condiviso sul suo account Instagram uno screenshot della sua rubrica telefonica che mostrava il contatto di Frizzi. La 40enne bresciana ha rivelato che non ha mai trovato il coraggio di cancellare il numero di telefono del padre della piccola Stella.

Il calvario di Nadia Toffa

Come tutti ben sanno Nadia Toffa è venuta a mancare dopo una lunga battaglia contro un tumore cerebrale. Circa due anni fa la conduttrice ed inviata de Le Iene Show ebbe un malore mentre si trovava nella hall di un albergo di Trieste pronta per pagare il pernotto. Da quel momento la donna è sparita per un paio di mesi, poi l’11 febbraio del 2018 ha fatto un annuncio in diretta nella trasmissione di Italia 1:

“Ho avuto un cancro. In questi due mesi mi sono curata, ho fatto chemioterapia e radioterapia dopo un’operazione, perché dei meravigliosi medici mi hanno operata e mi hanno tolto il cento percento di questo cancro. Ho fatto una radio e una chemioterapia preventiva, perché poteva essere rimasta una piccola cellula che la tac non vedeva”.

La 40enne ha fatto chemio e radioterapia, ma purtroppo il marzo seguente c’è stata una recidiva e da qual momento in poi per la Toffa è stata una strada tutta in salita fino alla morte.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!