Uova nei carciofi con besciamella

Uova nei carciofi con besciamella
Il piatto del giorno: uova nei carciofi con besciamella

Qualche tempo fa vi avevo suggerito la ricetta delle uova nei carciofi (qui il post). Ebbene, quest’oggi vi propongo una variante, in cui il piatto principale viene arricchito con l’utilizzo della besciamella. Di sicuro, in questo caso, le calorie salgono, ma con esse anche il gusto e, una volta ogni tanto, qualche peccato di gola è assolutamente concesso. Vediamo, allora, come si realizzano le uova nei carciofi con besciamella.

 

Ingredienti per 4 persone:

4 carciofi con fondo grande

1 limone

4 uova intere tenute a temperatura ambiente

25 g di burro

20 g di farina bianca

200 ml di latte

1 cucchiaio di formaggio grana grattugiato

buccia di limone grattugiata

sale quanto basta

 

Preparazione:

Accendere il forno col termostato posizionato a 200°C.

Togliere tutte le foglie ai carciofi, eliminare il fieno centrale e tornire tutti i fondi tagliando anche il gambo; passarli nel succo di limone e lessarli in acqua bollente salata e con l’aggiunta di altro succo di limone; scolarli al dente e capovolgerli.

Cuocere le uova bazzotte immergendole in acqua bollente per 4-5 minuti. Passarle sotto l’acqua corrente per fermarne la cottura e sgusciarle con delicatezza perché il tuorlo sarà ancora molle.

In una piccola casseruola sciogliere 20 grammi di burro con la farina passata da un colino; quando saranno spumeggianti, versare il latte freddo in una sola volta e, sempre rimescolando, portare a bollore e cuocere a fuoco moderato per 5 minuti. Fuori dal fuoco, salare, amalgamare il formaggio grana e la buccia di limone grattugiata.

Disporre in una pirofila imburrata i fondi di carciofo con l’incavo verso l’alto, sistemare in ognuno un uovo e coprire il tutto con la besciamella. Infornare finché la superficie sarà leggermente gratinata, quindi servire in tavola.

N.B. Volendo, è possibile usare le foglie dei carciofi scartate: quelle tenere in pinzimonio e quelle più dure, lessate e passate, per una minestra o per un risotto.

 

L’appuntamento con la prossima ricetta è, come di consueto, fissato per domani; intanto, se volete restare sempre aggiornati con i miei articoli di attualità, spettacolo e cucina, potete chiedermi l’amicizia cliccando qui e se siete alla ricerca di idee gustose per i vostri amici intolleranti al glutine potete seguirmi mettendo il vostro like qui.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!