Nancy Brilli in esilio dalla Rai: “Anche le donne ne abusano”

Nancy Brilli si sfoga sull’esilio dalla Rai

Nancy Brilli ha spiegato in un’intervista pubblicata sull’ultimo numero di Chi (già in edicola) le ragioni per cui sta trascorrendo da 17 anni un esilio forzato da mamma Rai. Il suo ultimo lavoro nelle reti pubbliche risale davvero a una vita fa. Si parla di Commesse, una serie di successo. Da allora niente, pfiuuu… sparita. Eppure, le trasmissioni vanno avanti a invitarla.

L’argomento è tornato caldo in seguito a un provino recentemente condiviso dall’attrice, sostenuto per L’Oriana, serie sulla vita di Oriana Fallaci, andata in onda nel 2015, una  parte poi affidata alla collega Vittoria Puccini. Ha raccontato come andò quel provino e di quanto sia difficile portare avanti questa carriera. Nella circostanza, fu Nancy Brilli a proporsi direttamente, dopo aver letto una prima bozza di sceneggiatura, totalmente stravolto nella messa in onda con la bravissima collega. Ciò che la ferì fu il trattamento riservatole.

Parole che feriscono

Si complimentarono con lei per il trucco, data una precisazione: li fanno anche loro A Tale e Quale Show. E aggiunto quanto fosse talentuosa, ma troppo popolare e, pertanto, le donne vere avrebbero faticato a rispecchiarsi in una come lei. La toccò quella superficialità, mischiata ad arroganza. E sconcerta Nancy Brilli constatare che: “anche alcune donne abusino”.

Come se, una volta preso il potere, si sentissero in diritto di dire qualsiasi cosa. Poteva non andare a genio e non essere idonea, ma lì secondo lei c’era esclusivamente il desiderio di ferire. Quindi, l’artista confessa di aver provato a ottenere un chiarimento sul perché in Rai non l’abbiano più chiamata: le hanno risposto mancassero opportunità adatte. Oggi, a suo dire, si discute sempre più spesso di ruoli preconfezionati ed è questo il problema. Inoltre, ad assegnarli non sarebbero più i registi, bensì vari funzionari o chi per loro.

Nancy Brilli, le ultime esperienze

Nicoletta Brilli (il suo nome all’anagrafe) vanta una carriera di altissimo profilo, tra grandi produzioni e prestigiosi riconoscimenti, compreso il David di Donatello 1990, conferitole come migliore attrice non protagonista e il Nastro D’Argento ritirato nello stesso anno, grazie alla parte interpretata nel film Piccoli Equivoci di Ricky Tognazzi.

L’ultima fatica sul grande schermo risale al 2017, con Tiro Libero di Alessandro Valori, mentre in tv non torna dall’anno prima, protagonista nella serie tv Matrimoni e Altre Follie, al fianco dell’ex compagno Massimo Ghini. I due hanno trascorso, nella vita vera, tre anni da marito e moglie.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Manuel Magarini: Per info & collaborazioni: manuel.magarini@gmail.com