Lepre in salmì

Lepre in salmì
Il piatto del giorno: lepre in salmì

La ricetta di quest’oggi è quella della lepre in salmì, secondo piatto di carne tipicamente invernale, idealmente accompagnato con dell’ottima polenta e con una bottiglia di buon vino rosso. Si tratta di una specialità che richiede una lunga preparazione, quindi dovrete organizzarvi con largo anticipo. Vediamo, quindi, come si realizza questa pietanza.

 

Ingredienti per 4 persone:

1 lepre

100 g di lardo

50 g di burro

1 cipollina

2 cucchiai di farina

1/2 bicchiere di panna fresca

sale quanto basta

Per la marinata:

1 carota

1 cipolla

1 costa di sedano

1 mazzetto di erbe profumate

4 chiodi di garofano

3 bacche di ginepro

1 litro di vino rosso

1/2 cucchiaino di sale

5 grani di pepe

 

Preparazione:

Prendere una lepre già spellata e svuotata, sfregarla con un canovaccio umido, tagliarla a pezzi, quindi metterla in un recipiente di terraglia e aggiungere tutte le verdure della marinata tagliuzzate, gli aromi, il pepe e il sale e coprirla con il vino. Lasciarla marinare per 24 ore, poi scolarla, asciugarla bene e passarla nella farina.

Mettere sul fuoco una casseruola con il lardo, il burro e la cipolla tritata, far rosolare il tutto, quindi aggiungere la lepre. Lasciarla colorire, poi bagnarla con il vino della marinata, aggiungere anche tutti gli altri ingredienti, coprire il recipiente e far cuocere adagio per 1 ora e mezzo.

A cottura ultimata, togliere la lepre e metterla in un’altra casseruola. Passare l’intingolo al setaccio, versarlo sulla lepre e far nuovamente scaldare il tutto. A questo punto, aggiungere la panna e mescolare a calore moderato per 10 minuti circa, quindi servirla ben calda.

 

L’appuntamento con la prossima ricetta è, come di consueto, fissato per domani; intanto, se volete restare aggiornati con tutti i miei articoli di attualità, spettacolo e cucina, potete seguirmi mettendo il vostro like qui!

 

Altre ricette di carne scelte per voi:

Lingua di manzo in salsa piccante: cliccate qui

Nodini di vitello farciti: cliccate qui

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!