Luca Onestini, la fidanzata Ivana Mrazova in ospedale: deve essere operata

Luca Onestini
Luca Onestini e Ivana Mrazova presto sposi? Ecco la risposta dell’ex tronista

Ivana Mrazova in ospedale

Non tutti sanno che qualche settimana fa Luca Onestini e la sua compagna Ivana Mrazova hanno vissuto dei giorni separati perché la modella è tornata in Repubblica Ceca. Inizialmente sembrava solo un viaggio di routine per l’ex gieffina ma in realtà la cosa si è complicata. Come ha spiega sul suo account IG, la Marzova il 6 settembre 2019 dovrà sottoporsi ad un intervento chirurgico. Infatti per il momento la giovane si trova ricoverata in ospedale. L’ex concorrente del Grande Fratello Vip 2 ha detto che si tratta di un’operazione indispensabile:

“Mi sono arrivati gli esami non sono andati bene. Si tratta di un’operazione abbastanza semplice ma necessaria”.

Subito dopo Ivana ha cercato di tranquillizzare tutti coloro che la seguono sui social network. Il fidanzato Luca la raggiungerà nella Repubblica Ceca oppure gli impegni in radio lo bloccheranno?

Ivana Mrazova deve operarsi

Ad oggi né Ivana Mrazova e nemmeno Luca Onestini hanno rivelato in pubblico la ragione dell’operazione chirurgica della modella ceca. Quest’ultima, attraverso IG, ha riferito che deve farla a tutti costi ma nello stesso tempo è molto semplice. Sembra proprio che rimarrà ricoverata nella struttura ospedaliera per tre giorni e poi resterà dai suo genitori per qualche settimana, nell’ipotesi ci fossero delle complicanze. Nel frattempo la ragazza sta ancora aspettando una serie di esami pre-operatori:

“Questo è il motivo per quale sono ancora qua. Voglio che siate tranquilli, perché io sono tranquilla. Abbastanza”.

Luca Onestini parla della sua vitiligine

E se Ivana Mrazova è in Repubblica Ceca in attesa di essere operata, il compagno Luca Onestini è tornato a parlare della sua malattia alla pelle, ossia la vitiligine. L’ex concorrente del Grande Fratello Vip 2 ha svelato che ogni giorno riceve messaggi dai suoi follower per dirgli che condividono la stessa malattia:

“Da un lato mi dispiace siate così in tanti ad averla, dall’altro mi fa piacere se posso darvi coraggio. Possiamo vederli come tatuaggi fatti dalla natura che ci rendono unici”.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!